laRegione
24.10.19 - 13:35
Aggiornamento: 17:00

A Campione emerge un pericoloso triangolo della droga

I Carabinieri dopo due arresti: da fenomeno 'velato' a traffico di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente

di Cristina Ferrari
a-campione-emerge-un-pericoloso-triangolo-della-droga

Se la domanda del gioco d'azzardo da quindici mesi si è spostata verso altri casinò, a Campione d'Italia permangono alte l'offerta e lo spaccio di droga, concentrando nell'enclave loschi giri dediti al traffico di sostanze stupefacenti. La conferma ci viene oggi dal Nucleo dei Carabinieri dell'enclave che proprio ieri hanno portato a termine una nuova operazione antidroga con l'arresto di due albanesi, entrambi di 28 anni, residenti nella provincia di Como e già noti alle forze dell’ordine per reati analoghi.

È da febbraio che si stava seguendo la pista che ha portato a individuare i due albanesi. Un'indagine che aveva preso corpo con l'accertamento di alcuni episodi di spaccio portati a compimento da altri due giovani, questa volta residenti a Campione, entrambi denunciati e attualmente in stato di libertà. Nel corso delle indagini i Carabinieri hanno via via scoperto che i giovani campionesi si rifornivano sulla piazza di spaccio di Como e vendevano la merce nell’enclave e nel territorio confinante ticinese. “Le indagini – rimarca il Nucleo operativo di Campione d'Italia – condotte con l’ausilio di ogni possibile tecnologia e suffragate da attività di osservazione, pedinamento e indagine su personaggi operanti nel mondo dello spaccio, hanno permesso di scoprire l’esistenza di un ingente traffico di droga, in particolare cocaina, che, da un primo livello operativo accertato in territorio campionese e svizzero, portava ad un secondo e più consistente livello di spaccio, portato avanti dai due albanesi arrestati, considerati, per l’ingente quantitativo di sostanza trattata, dei veri professionisti”.

Gli investigatori hanno potuto documentare almeno dieci episodi di spaccio, in particolare nell’area comasca, con il passaggio di mano da fornitore ad acquirente di circa mezzo chilogrammo di cocaina e un giro di denaro di 50mila euro. I due albanesi sono stati rintracciati nelle loro abitazione di Solbiate con Cagno, in provincia di Como. Qui sono scattate le manette ad opera dei militari campionesi in collaborazione con la Stazione di Olgiate Comasco. "L'incessante attività nello specifico settore – non hanno mancato di evidenziare i carabinieri di Campione d'Italia – ha fatto emergere un fenomeno sino ad ora 'velato' ma che di fatto, così come dimostrato anche dalle precedenti operazioni di servizio conclusesi con l'arresto di svariati soggetti e il recupero di ingenti quantitativi di stupefacente, pervade l'enclave e più in generale la confinante Confederazione elvetica, non immune dalla particolare fenomenologia criminosa".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
2 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
3 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
6 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
9 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
13 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
13 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
21 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
21 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
22 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
23 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved