laRegione
12.09.19 - 14:35

Una zona rossa per la manifestazione del Molino

Si terrà sabato il corteo a sostegno del centro sociale che anima l'Ex Macello. Gli organizzatori avevano già detto di non volere 'sconfinare'

a cura de laRegione
una-zona-rossa-per-la-manifestazione-del-molino
(Municipio di Lugano)

I 'molinari' non potranno entrare nel centro di Lugano (ma in realtà non volevano nemmeno farlo). Il Municipio ha comunicato oggi che "la Città, in base al principio di proporzionalità, ha deciso di delimitare una zona a cui il corteo non potrà accedere. Tale decisione garantisce, da un lato, l'esercizio dei diritti costituzionali ai manifestanti e, dall'altro, il corretto svolgimento delle altre manifestazioni già programmate nella zona centrale della città, tra cui la Corsa della Speranza alla quale parteciperanno diverse migliaia di persone". La strategia, stando al comunicato, sarebbe stata pianificata unilateralmente in assenza di risposte del centro sociale alle sollecitazioni dell'esecutivo.

 

Il perimetro off-limits sarà quello delimitato da Via Balestra - Viale Cassarate - Viale Cattaneo (compreso il Parco Ciani) – Riva Albertolli – Riva Vela – rotonda LAC - Via Adamini - Via Maraini – Tunnel di Besso - Via S. Gottardo - Via Pelli – Via Balestra.

Va ricordato comunque che già una settimana fa risultava assodata la decisione del Molino di "non oltrepassare il limite di via Balestra", come aveva anticipato a laRegione Bruno Brughera, presidente dell’associazione Aida, sorta in difesa dell'autogestione. 

Il Municipio lancia infine un monito: "Non saranno tollerati prima, durante e dopo la manifestazione azioni contrarie alla legge ed in particolare atti di vandalismo o danneggiamenti alla proprietà pubblica o privata. Gli organizzatori e i partecipanti sono invitati a voler lasciare gli spazi pubblici utilizzati puliti e in ordine, nel rispetto delle norme di comune convivenza e ordine pubblico".

Il "corteo allargato, partecipato e rivendicativo", si leggeva in una nota diffusa dal Csoa Il Molino la settimana scorsa, partirà alle 13.30 dalla zona del Cinestar – lato fiume Cassarate – con arrivo, cena popolare e spettacoli in piazza Molino Nuovo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
3 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
5 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
6 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
6 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
9 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
10 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
10 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
10 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
16 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
© Regiopress, All rights reserved