laRegione
25.02.19 - 20:12

Sessa s'interroga sul futuro 'solitario'

Un'interrogazione nata dal progetto di aggregazione che riguarderebbe soltanto Ponte Tresa, Croglio e Monteggio

a cura de laRegione
sessa-s-interroga-sul-futuro-solitario
Ti-Press

“Cosa succede se Sessa non si aggrega al nuovo Comune Tresa?” È il quesito fondamentale che viene posto al Municipio dall’interrogazione interpartitica sottoscritta da ben 15 consiglieri comunali (su 21). Primo firmatario è Andrea Lavagetti (Prl) e attuale primo cittadino. Nel frattempo, prosegue la raccolta di firme – lanciata mercoledì scorso – per chiedere di essere reintegrati nel progetto aggregativo di Tresa.
L’interrogazione muove dalla decisione del Consiglio di Stato di sottoporre al Gran Consiglio il progetto di aggregazione fra Ponte Tresa, Croglio e Monteggio, escludendo Sessa, dove l’esito della consultazione popolare del 25 novembre scorso era stato negativo per una manciata di voti (19 per l’esattezza). Ebbene, il presidente del Consiglio comunale teme che tale esclusione possa comportare ripercussioni negative per il paese. Perciò ,nell’interrogazione vengono poste ben venti domande all’esecutivo sulle conseguenze del mancato ‘matrimonio’ a quattro. Domande che spaziano dalle collaborazioni in atto fra i Comuni della valle della Tresa e quelle che potrebbero essere disdette. A cominciare dal servizio mensa che si tiene nella sala multiuso di Sessa, oggi organizzato e co-finanziato dal Municipio di Monteggio e che in futuro potrebbe essere trasferito a Croglio. Sono pure chieste spiegazioni sul futuro dell’ecocentro nel caso in cui Monteggio rinunciasse all’accordo di collaborazione attualmente in essere. L’interrogazione chiede se l’esecutivo di Sessa ha elaborato uno scenario sulle possibili ricadute finanziarie negative e il peggioramento dei servizi ai cittadini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
1 ora
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
4 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
4 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
4 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
4 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
11 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
11 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
12 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
13 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
© Regiopress, All rights reserved