laRegione
Ti-Press
Luganese
06.02.19 - 16:020

A Campione i carabinieri diffidano il Comune

Reclamano una mancata indennità che in totale supera i 700mila euro. Sollecitato un intervento da parte del Governo

I sedici carabinieri in servizio nell'enclave hanno diffidato il Comune di Campione d'Italia. Le conseguenze del dissesto finanziario che sta "strangolando" l'enclave, si sono abbattute anche sui carabinieri e gli insegnanti della scuola media inferiore che da oltre un anno non percepiscono l'assegno di confine previsto per i dipendenti statali che prestano servizio in riva al Ceresio. È di oltre 700mila euro l'indennità reclamata dai militari che rappresentano l'unico avamposto dello Stato a tutela della sicurezza dei campionesi.

I carabinieri si sono affidati ad avvocati comaschi per inoltrare le diffide che sono finite sul tavolo del commissario prefettizio Giorgio Zanzi. "Lo stipendio di un carabiniere, già basso in Italia, non è in grado, in mancanza dell'indennità aggiuntiva, di garantire la normale sopravvivenza", sta scritto in una nota del Co.Ce.R. Carabinieri (Organismo sindacale dei militari) che l'altroieri era a Campione d'Italia per verificare sul campo la situazione.

L'organismo dei carabinieri ha sollecitato un intervento da parte del Governo: un emendamento di inserire nella conversione in legge del Decreto Semplificazioni. Decreto che in origine includeva un emendamento che prevedeva uno stanziamento di quasi 5 milioni di euro a favore del Comune di Campione. Emendamento non ammesso a seguito di un intervento del Capo dello Stato. Oltretutto il Decreto Semplificazioni è già stato approvato dalla Camera e a giorni passerà all'esame del Senato. Se a breve la diffida non avrà esito positivo, toccherà al Tribunale civile di Como intervenire.

È già accaduto in passato con nove carabinieri che avevano prestato servizio a Campione d'Italia dal 2010 al 2014. Vicenda definita un anno fa con una ingiunzione di pagamento del giudice Agostino Abate. Per evitare il pignoramento di beni, allora il Comune aveva pagato. Questa volta appare difficile che lo possa fare, anche se il commissario Giorgio Zanzi ha chiesto alla Banca Popolare di Sondrio un anticipo di tesoreria per 4,2 milioni di euro.

"Tre milioni e 400mila euro sono destinati a pagare due rate del mutuo riferito alla costruzione del Casinò - dice -. Mi rimarranno 800mila euro, con i quali pagherò in parte qualche debito, come quello che abbiamo (60mila franchi, ndr.) nei confronti del fornitore del gasolio"'.  Fornitore che pur vantando di un credito di oltre 60mila franchi ha garantito al commissario prefettizio ("solo sino a quando c'è lei") la consegna di gasolio. Non si può fare a meno di pensare agli sprechi che avevano trasformato Campione d'Italia in una sorta di Bengodi.

TOP NEWS Cantone
Ostetricia Obv
1 ora
‘Se si chiude lanciamo una petizione popolare’
Si annuncia battaglia per la difesa del reparto. Matteo Muschietti: 'Il Mendrisiotto non merita un ospedale zoppo'
Luganese
1 ora
Vezia: non passa (a sorpresa) la residenza per la terza età
Dopo un iter lungo e condiviso, ma segnato da un ricorso, il legislativo non ha approvato il progetto da 34 appartamenti per anziani autosufficienti di Aila
Bellinzonese
1 ora
Liceo di Bellinzona e lockdown, 'bilancio in chiaro-scuro'
Il Sisa conferma l'esistenza di docenti che non hanno seguito le disposizioni del Decs. Zeno Casella: 'Ma in generale la scuola ha reagito bene'
Locarnese
1 ora
Scuola-lavoro, un sondaggio per capire e aiutare
Un questionario alle famiglie di Terre di Pedemonte, Onsernone e Centovalli per riorientare i servizi e le risorse finanziarie
Ticino
11 ore
Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni
Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'
Ticino
13 ore
Il prete arrestato ha ammesso il fatto. Emergono episodi 'minori'
Il sacerdote sotto inchiesta per presunta coazione sessuale è in regime di espiazione anticipata della pena
Mendrisiotto
14 ore
Pronti a scendere in campo a difesa dell'ostetricia all'Obv
A Mendrisio l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme prende posizione dopo l'incontro con i vertici ospedalieri. 'Guardia altissima'
Mendrisiotto
14 ore
‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere
È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale
Bellinzonese
15 ore
Novità a Lumino: iniziata la prima colonia estiva diurna
Otto settimane dedicate ai bambini promosse dal Municipio e affidate alla Fondazione Pro Infantia. Un'offerta di svago ancor più d'attualità a seguito del lockdown
Ticino
15 ore
'Gli Svizzeri all'estero a fare spesa. I ticinesi invece...'
Secondo il presidente della direzione generale di Migros, a sud delle Alpi si sta sentendo meno la riapertura delle frontiere post-lockdown
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile