laRegione
26.01.19 - 17:20

Sessa, tira aria di raccolta firme pro aggregazione

Dopo che il Cantone ha chiarito che anche un'opzione a tre (Croglio, Monteggio e Ponte Tresa) è praticabile, nel comune c'è chi cerca di rientrare nel progetto

di Dino Stevanovic
sessa-tira-aria-di-raccolta-firme-pro-aggregazione
Sessa (foto Ti-Press)

Un comune diviso. Due mesi dopo quel 25 novembre che vide Sessa allontanarsi alle urne dal progetto del comune unico Tresa, la cittadinanza del paese malcantonese si guarda allo specchio per cercare di capire come andare avanti. A darle una mano in questo senso ci pensa il Cantone: la Sezione enti locali (Sel) del Dipartimento delle istituzioni ha organizzato - e non è una prassi - mercoledì sera un incontro rivolto unicamente agli abitanti del comune che con un margine risicato (53% di no) ha respinto di aggregarsi con Croglio, Monteggio e Ponte Tresa. Oggi, per permettere a Sessa di risalire sul treno per l'unione, c'è chi comincia a paventare una raccolta di firme.

Dato lo scarto piuttosto esiguo fra contrari e favorevoli all'aggregazione, che questi ultimi stiano cercando di non restar tagliati fuori dal progetto che farebbe di Sessa il quartiere polo della cultura e del tempo libero non è una novità. Secondo nostre fonti, in paese si fa però concretamente largo ora l'opzione di lanciare una raccolta di firme per reincludere Sessa nello scenario aggregativo. Una possibilità emersa solo fra le righe durante la serata, ma che la Sel conosce. «Se dovesse arrivare un segnale politico forte, che denota un cambiamento di decisione rispetto alla votazione consultiva di novembre - valuta Marzio Della Santa -, a quel punto è chiaro che il parlamento potrà disporne. Ma ribadisco: sarebbe un segnale, nulla di vincolante». Il Consiglio di Stato dovrà preparare il messaggio con la proposta aggregativa, ma spetterà infine al Gran Consiglio l'ultima parola. E per permettergli di sbilanciarsi, l'esecutivo deve ponderare bene tutte le opzioni. Fra queste, anche la strada a quattro: sebbene Sessa abbia detto no, i votanti nel complesso di tutti i comuni coinvolti si sono espressi con un 54% di sì. E se l'assenza dell'unica realtà contraria comportasse un pregiudizio alla costituzione di Tresa, «allora ci sarebbero anche le premesse per uno scenario forzato».


'Significativa vivacità sociopolitica'


«Un messaggio è atteso ancora in questa legislatura, a meno di colpi di scena» ipotizza il capo della Sel. Nulla ancora è deciso quindi, ma il meccanismo è in moto. Non siamo riusciti purtroppo a raggiungere la municipale di riferimento Mirna Cassis (Plr) per avere un riscontro sulla serata. «Desideravamo fare chiarezza, perché ci era giunta voce che per parte dei
contrari all'aggregazione vi era la convinzione che senza un loro sostegno non si sarebbe andati avanti con il progetto - puntualizza Della Santa -. Invece, fin dall'inizio abbiamo detto che la giurisprudenza permette di procedere quantomeno a tre. Chiarezza quindi, affinché ci sia la piena consapevolezza
che tutti gli scenari sono reali. In questo senso penso che l'incontro sia stato molto positivo e apprezzato da entrambi gli schieramenti». Indipendenza o convivenza come parte di una realtà più grande. Questo il bivio al quale Sessa è fermo da circa due mesi. Un comune tutt'altro che sinistrato, come ribadisce comunque il nostro interlocutore: «Non ha un capitale proprio negativo, ha una partecipazione e una vivacità sul piano sociale e politico significative. Se dovesse restare da solo, secondo me mancherebbe un'opportunità. Ma non per questo ne verrebbe compromessa l'esistenza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
4 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
11 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
12 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
14 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
16 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
17 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
19 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
1 gior
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
© Regiopress, All rights reserved