laRegione
Ti-Press
Luganese
02.01.19 - 15:430

Riciclaggio, fiduciario e bancario del Luganese a processo

I due saranno giudicati a Padova assieme a un terzo uomo attivo in Italia. A loro carico si sospetta un giro di malversazioni di 200 milioni di euro

Tre imputati a processo con il rito immediato mercoledì 9 gennaio in Tribunale penale a Padova per associazione per delinquere al riciclaggio internazionale di 46 milioni di euro dal 1° dicembre 2015 al 31 dicembre 2016. I soldi sarebbero arrivati a Lugano da Dubai, per poi essere messi a disposizione di duecento clienti, sedici dei quali identificati (fra cui il figlio di un ministro dell’ultimo governo Berlusconi) e a loro volta sotto indagine per reati fiscali. Gli imputati sono un 59enne dentista veneziano, un 50enne originario di Seedorf (Uri) ma residente a Balerna e titolare di una finanziaria di Agno e un 52enne bergamasco, ex direttore di banca, residente a Lugano, socio in affari del 50enne. Arrestati lo scorso 25 maggio, assieme a due donne la cui posizione è ancora al vaglio degli inquirenti, non si esclude che possano chiedere il rito abbreviato. Soprattutto i primi due che – avendo fatto ammissione – sono in libertà. Mentre è ancora in carcere il bergamasco, essendosi rifiutato di rispondere agli inquirenti. L’uomo ha inoltre precedenti specifici. Collaboratore di una banca di Lugano è stato condannato dai giudici di Firenze per aver trafugato negli anni compresi fra il 2010 e il 2013 oltre 200 milioni di euro.
Il processo di mercoledì dovrebbe far chiarezza sui segreti meccanismi della macchina che, per l’accusa, agli imputati è servita per il riciclaggio internazionale di 46 milioni di euro. Qualcosa il dentista ha già raccontato agli inquirenti: “A un certo punto le banche svizzere hanno detto basta al cash. E così se qualcuno voleva monetizzare aveva due possibilità: aderendo alla Voluntary, ma costava troppo, oppure prelevava il denaro, al quale pensavamo noi”. Un sistema naturalmente fuorilegge: giroconti, fatture false, transazioni inesistenti in lingotti d’oro. Tutte operazioni che, per l’accusa, estero su estero, partivano da Agno, transitavano da Slovacchia o Cechia, per approdare negli Emirati Arabi Uniti. Lì il denaro sino allora circolato online diventava sonante, per tornare a Lugano, nascosto nelle valige di una delle due donne ancora sotto indagine. Ci pensavano poi corrieri di valuta a portare i capitali in Italia. La commissione costava il 10 per cento.

TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
3 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Ticino
3 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
3 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Luganese
4 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Ticino
4 ore
Sventata strage: pena massima, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Locarnese
5 ore
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
Luganese
5 ore
Lugano spinge l'acceleratore sulla digitalizzazione
Vasto programma di eventi incentrati sulle opportunità dell'online organizzato quest'autunno dalla Città e da vari partner: accademici, scientifici, economici
Bellinzonese
6 ore
Lite al bunker di Camorino, ospite ferito da un coltello
Diverbio tra un 25enne marocchino e un 38enne iraniano, il quale ha avuto la peggio rimediando una leggera ferita da taglio a una gamba. Il 25enne è stato arrestato
Luganese
8 ore
Tarchini: stadio e palazzetto in 2 anni e risparmi milionari
L'imprenditore escluso dal concorso per il Polo sportivo di Lugano chiede alla Città un time out: 'progetto suicida'
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile