laRegione
DJOKOVIC N./FEDERER R.
1
ANDERSON K./SOCK J.
2
fine
(7-6 : 3-6 : 6-10)
DJOKOVIC N./FEDERER R.
1 - 2
fine
7-6
3-6
6-10
ANDERSON K./SOCK J.
7-6
3-6
6-10
LAVER CUP
LAVER CUP MEN DOUBLES
Team Europe - Team World 3-1.
Match 4.
Ultimo aggiornamento: 22.09.2018 06:30
Luganese
04.09.18 - 09:260

Campione: sacrifici anche per i dipendenti statali

Da febbraio non ricevono più l'assegno di confine e nemmeno l'indennità di trasferta per chi risiede fuori dall'enclave

Il loro stipendio non è in discussione, anche perché pagato dalla Stato, ma non sarebbe giusto considerarli dei privilegiati: pure loro sono chiamati a fare sacrifici. Sono i dipendenti statali, una ventina, che a Campione d'Italia svolgono attività importanti. C'è per esempio chi è impegnato sul versante dell'ordine pubblico e chi su quello dell'insegnamento.

Sono gli insegnanti e i carabinieri residenti in riva al Ceresio, che dallo scorso febbraio non ricevono più l'assegno di confine, che veniva riconosciuto in considerazione del fatto che il costo della vita a Campione d'Italia è più alto rispetto al resto del paese. Da sette mesi non viene più pagata nemmeno l'indennità di trasferta al personale della scuola elementare e media inferiore non residente a Campione.

Una scelta, quella di non risiedere nell'enclave, dovuta agli affitti che in riva al Ceresio sono molto alti, superiori a quelli pagati in Ticino: ecco perché le case sfitte sono sempre più numerose. E con la situazione che si è venuta a creare nell'enclave, con il Casinò chiuso (e 478 lavoratori a spasso) e con i 102 dipendenti comunali che da sette mesi lavorano senza ricevere lo stipendio, la prospettiva di svuotare il paese diventa sempre più concreta.

La gente infatti se ne torna a vivere a Como o Porlezza o negli altri comuni di frontiera. Negli anni in cui per il fisco risiedere a Campione d'Italia era un manna calata dal cielo c'era la corsa ad avere la residenza nell'enclave che spesso era una cassetta delle lettere. Altri tempi, altri guai, che rispetto a quelli attuali, erano bruscolini. ''Fra un mese, con la fine della stagione estiva, e con l'ora solare, questo sarà un paese morto'': è questa la previsione che accomuna i campionesi. C'è d'aggiungere che già nel giugno 2015, epoca in cui già scricchiolava il ''sistema Campione'', carabinieri e insegnati (una ventina di statali) si erano visti ridurre del 40 per cento l'assegno di confine. Stessa riduzione per l'indennità di trasferta del personale delle scuole non residente nell'enclave.

Tags
campione
enclave
dipendenti
dipendenti statali
campione italia
indennità trasferta
sacrifici
assegno
assegno confine
trasferta
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved