laRegione
tra-l-altro-una-retata-che-non-va-giu
Retata 'indigesta' (foto: Ti-Press)
Luganese
08.06.18 - 21:000

Tra l'altro, una retata che non va giù

Il controllo al Biblio-Café da parte della Comunale sembra essere il primo di un'operazione che riguarda gli esercizi pubblici

Retata «indigesta» – in piena grigliata – giovedì poco dopo le 22 al ristorante Biblio Cafè Tra l’altro, più noto come Tra. «Siamo basiti più che arrabbiati. In vent’anni non era mai successo. E poi con quale esito? Hanno trovato solo 3 sedie in più del consentito» – è la reazione di uno dei proprietari del locale di Molino Nuovo.

Il comunicato della polizia città di Lugano diramato oggi riferisce del “primo di un’operazione di controlli preventivi degli esercizi pubblici, atti a prevenire e reprimere i rumori molesti, mescita di bevande alcoliche a minori, così come l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti” e precisa che “tale operazione scaturisce anche dalle numerose reclamazioni dei cittadini e della Commissione di quartiere, che hanno sollecitato a più riprese puntuali controlli di polizia, soprattutto nelle ore serali”.

Ma qual è stato l’esito del blitz al Tra? Quindici agenti della polizia di Lugano, tra specialisti del servizio antidroga e della polizia amministrativa hanno controllato 62 persone, tra cui 2 minori per consumo di bevande alcoliche. Informa la polizia: “È stata rinvenuta della marijuana in un cespuglio, verosimilmente gettata da ignoto avventore al momento dell’inizio del controllo”.

Obietta dal canto suo uno dei proprietari del Tra: «Ma dovremmo perquisire i nostri clienti? Inoltre, quando è capitato di sentire odore di marijuana abbiamo sempre allontanato gli avventori. E come distinguerli da chi fumasse canapa light senza Thc?». 


Quanto è costato ai contribuenti? 

La polizia aggiunge che “sul piano del rispetto della legge cantonale sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione sono state constatate alcune manchevolezze e infrazioni” e che “si provvederà a verificare quindi anche le responsabilità amministrativo-penali del gerente”. Il proprietario da noi interpellato esclude che vi siano irregolarità, visto che il ristorante ossequia alle regolari disposizioni impartite nei controlli dal Laboratorio di igiene cantonale.

Giovedì sera era  presente pure una cliente incinta per la quale la polizia assicura di averle chiesto se avesse avuto bisogno di assistenza e questa avrebbe risposto negativamente. Il Tra lamenta una durata eccessiva dei controlli che ha «costretto per ben due ore gli astanti a restare nel locale».

Gioventù Socialista Ticino (Giso) stigmatizza l’operazionechiedendosi se si tratti di un “altro caso di repressione da parte della polizia?” e osservando: “Non ci risulta che ai locali della ‘Lugano bene’ siano organizzati controlli e retate simili, segno che sono i luoghi alternativi a dare fastidio”. Giso auspica chiarimenti da parte delle autorità. Reagisce anche il Collettivo femminista Io l’8 ogni giorno interrotto dalla retata durante una riunione al Tra, che parla di “intervento sproporzionato”.  In serata anche il Partito Operaio e Popolare (Pop) in un comunicato esprime “la sua solidarietà con le compagne, con la gerenza dell’esercizio e con tutte le persone presenti giovedì 7 giugno al BiblioCafè Tra l’altro, che hanno dovuto subire – citiamo – l’atto intimidatorio perpetuato dalla polizia di Lugano”. “Un atto che condanniamo con forza, in quanto è andato a colpire un luogo d’incontro che favorisce la cultura popolare (...)”. Il Pop, che evoca il tempo delle schedature, chiede fra l’altro al municipale Michele Bertini, capodicastero polizia, di chiarire come giustifica questo grande dispiegamento di forze e quanto è costato ai contribuenti. 

TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
16 ore
Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'
Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
19 ore
Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto
Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
19 ore
Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente
La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
21 ore
Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'
Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
1 gior
InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009
L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
1 gior
'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'
Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
1 gior
Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo
All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Bellinzonese
1 gior
Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso
La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Ticino
1 gior
Tutti i controlli radar della prossima settimana
Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
1 gior
Balneabili le acque di Porto Ceresio
Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile