laRegione
Gabriele Putzu
Luganese
09.11.17 - 13:140
Aggiornamento : 15.12.17 - 17:12

Condannato a Lugano spacciatore d'eroina, sarà espulso

"Ingranaggio di un'organizzazione ben oliata". Secondo il procuratore pubblico Nicola Respini, il 26enne condannato oggi a due anni e sei mesi - di cui venti mesi sospesi per due anni - per traffico di eroina è uno dei tanti "giovani albanesi arruolati nel Paese d'origine e mandati in Svizzera, via Italia, per trasportare e spacciare droga". Un copione già visto svariate volte quindi, che nel caso concreto ha visto l'imputato arrivare a Lugano ai primi di maggio, recarsi a Zurigo in due occasioni nell'arco di dieci giorni circa per portare in Ticino oltre 600 grammi di eroina. Proprio di ritorno dalla seconda spedizione, l'uomo è stato fermato dalla Polizia comunale in seguito a un controllo casuale. 

La colpa del giovane è stata ritenuta grave sia oggettivamente che soggettivamente dal presidente della Corte delle Assise criminali di Lugano, Amos Pagnamenta. In particolare, l'intensità con cui ha smerciato o cercato di immettere sul mercato la dannosa sostanza e d'altro canto la facilità con cui ha acconsentito a venire in Svizzera per delinquere. Malgrado a suo favore abbiano giocato l'incensuratezza, la lontananza da casa e la collaborazione fornita in fase d'inchiesta, il giudice ha accolto la richiesta di pena formulata da Respini.

Sia la pubblica accusa che in particolare la difesa - rappresentata dall'avvocato Alain Susin - hanno sottolineato il ruolo di corriere della droga del condannato. "La mente (in Albania, ndr) pilota i propri droni senza mai rischiare nulla - ha detto il legale, chiedendo che la pena da espiare non superi i sei mesi -, mentre muove la manovalanza sulla scacchiera degli stupefacenti per un guadagno minimo rispetto ai mandanti". Importante per il funzionamento della rete, come evidenziato dal pp, è anche il ruolo dei consumatori locali - da uno di questi ha alloggiato lo spacciatore a Lugano - e di alcuni connazionali in altri cantoni.

Il 26enne, una volta rilasciato fra quattro mesi - dato che sei li ha già trascorsi in carcere -, verrà inoltre espulso dalla Svizzera per dieci anni. Per lui anche una multa di 100 franchi per aver consumato cocaina e quindi contravvenuto alla Legge federale sugli stupefacenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile