laRegione
09.12.22 - 10:19
Aggiornamento: 14:53

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’

si-ri-alza-forte-la-vos-da-locarno

Il coro Vos da Locarno non ha nessuna intenzione di… zittirsi. Anzi, forte di un comitato quasi interamente rinnovato, il coro misto che da ben 72 anni dà voce al Locarnese – fondato nel 1950, è ormai un’istituzione nella regione – cerca il rilancio, dopo due anni decisamente difficili a causa di una pandemia che in pratica ne ha dimezzato gli effettivi. Ultimi in ordine di tempo a lasciare (in blocco) il sodalizio, dieci coristi e appunto praticamente tutto il comitato, eccezion fatta per colui che ne prenderà le redini dall’ormai ex presidente Giovanni Comizzoli, Marco Luisoni.

L’uscente Giovanni Comizzoli: ‘Si chiude un ciclo, contesto non facile’

«Non è facile lasciare quella che per me è una famiglia, ma dopo tanti anni era giusto fare spazio a chi con rinnovato entusiasmo potrà, lo spero davvero, garantire un futuro al coro», afferma Comizzoli, all’addio dopo 14 anni di presidenza e ben 28 come corista. «Sono grato per le emozioni che ho potuto vivere con la Vos da Locarno e ci tengo in particolare a ringraziare il maestro Giovanni Galfetti, che ha fatto crescere tantissimo il nostro movimento. Si chiude un ciclo e faccio tanti auguri al nuovo comitato, la cui sfida più grossa sarà trovare nuove leve, in particolare maschili, in un contesto in cui il canto corale popolare sta faticando parecchio, anche a livello di pubblico».

L’entrante Marco Luisoni: ‘Gruppo da rimodellare con nuova linfa’

«Ho deciso di imbarcarmi in questa sfida perché sento che il gruppo rimasto è vivo, c’è l’entusiasmo giusto per portare avanti la gloriosa storia di questo coro – spiega dal canto suo il nuovo presidente, entrato a far parte del sodalizio come corista sei anni fa e che potrà contare sul supporto di quattro nuovi membri di comitato –. Con l’assemblea del 15 novembre il nuovo comitato ha sostituito l’organo direttivo precedente e si è messo subito al lavoro con grande motivazione. Questa nuova linfa ha contagiato tutti i coristi che si sono subito attivati contraccambiando la motivazione verso il comitato».

Un’energia positiva che dovrà ora tradursi concretamente in nuovi arrivi… «Effettivamente le prossime settimane serviranno per rimodellare il gruppo – a tal proposito stiamo lanciando una campagna di propaganda – e per pianificare bene il tutto. A parte forse quelle sportive (ma forse pure loro), un po’ tutte le associazioni stanno vivendo un momento non facile, la pandemia ha lasciato il segno, basti pensare che gli oltre 30 coristi sui quali potevamo contare prima del 2020 si sono nel frattempo quasi dimezzati. La buona notizia è che negli ultimi mesi ci hanno già raggiunto delle nuove coriste e diverse altre persone hanno confermato il loro interesse, quindi all’orizzonte ci sono altri arrivi, in particolare di vecchi coristi che ci hanno contattato per un ritorno. In definitiva dovremmo presto poter contare su almeno una ventina di persone, numero che ci permetterebbe, pur adattando il repertorio e il modo di cantare agli effettivi, di ripartire con le nostre attività».

Quanto alla questione finanziaria Luisoni spiega come «la ripresa della gestione finanziaria dopo i festeggiamenti del 70esimo anniversario è un capitolo importante, ma i passaggi di consegne (tra il vecchio e il nuovo comitato, ndr) sono ancora in atto e al momento è impossibile fare previsioni. In ogni caso il nostro vero "capitale" è la motivazione che regna nel gruppo e che contagia tutti: nuova linfa sorgente di tanta altra linfa che arriverà ancora».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
2 ore
Plr e Verdi di Gordola: ‘Manteniamo il moltiplicatore all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
4 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
9 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
21 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
23 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
© Regiopress, All rights reserved