laRegione
02.12.22 - 19:01
Aggiornamento: 21:38

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio

locarno-arrestata-la-vittima-del-pestaggio-in-rotonda

Da vittima a... presunto colpevole. Quando il passo è breve. Succede, come riferito dalla Rsi, nel caso dell’inchiesta sul pestaggio avvenuto a Locarno, all’interno della rotonda di Piazza Castello, nella notte tra il 7 e l’8 ottobre scorsi. Rissa tra l’altro ripresa da alcuni testimoni con il telefonino e poi postata sui social. La vittima dell’aggressione, un giovane rifugiato originario dello Sri Lanka di 26 anni, è infatti finito in manette. La Procura aveva emesso un ordine di arresto contro di lui dopo che il 26enne, malmenato da un gruppo di maggiorenni, dopo avere ricevuto le prime cure necessarie si era reso irreperibile, tornando oltre Gottardo.

Lunedì scorso, però, è stato fermato dalla polizia del Canton Lucerna, mentre stava dando in escandescenze. Martedì il giovane è stato trasferito in Ticino e rinchiuso nel penitenziario della Farera, dove è già stato interrogato dagli inquirenti. Nei suoi confronti, sempre secondo la Rsi, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio (in via subordinata, di tentate lesioni gravi). Questo per avere brandito un coltello e minacciato il gruppetto che lo ha poi picchiato, quando tutti si trovavano ancora all’esterno della rotonda. Sempre secondo le informazioni raccolte dall’emittente di Comano, l’uomo respinge ogni addebito. Sono invece a piede libero tre dei cinque suoi aggressori (per loro non erano più ossequiate le condizioni per prolungare il periodo di carcerazione preventiva). Gli altri due dovranno invece rimanere dietro le sbarre. Il giudice dei provvedimenti coercitivi ha infatti prorogato di otto settimane la loro carcerazione preventiva.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
12 min
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
39 min
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
2 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
5 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
5 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
6 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
7 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
7 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
8 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
12 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
© Regiopress, All rights reserved