laRegione
laR
 
04.11.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:58

Locarno on Ice meno sfavillante: ‘Quasi una blackout edition’

Intervista alla portavoce degli organizzatori, Samantha Bourgoin, sulle misure di risparmio energetico. Ma anche sulla ‘fan zone’ per i Mondiali del Qatar

locarno-on-ice-meno-sfavillante-quasi-una-blackout-edition
archivio Ti-Press
Luminarie ridotte: resta intatta la voglia d’incontrarsi in Piazza Grande

Critiche a Locarno on Ice e direttamente ai promotori. Una recente interrogazione al Municipio di Locarno, sottoscritta da esponenti della Sinistra Unita, pone una serie di domande. Sia per quanto riguarda l’opportunità di proporre un simile evento in un periodo di penuria energetica, sia per la "fan zone" dedicata ai contestati Mondiali del Qatar.

Senza voler togliere nulla al Municipio cittadino, chiamato a dare risposte, abbiamo girato alcune domande a Samantha Bourgoin, portavoce dell’Associazione che organizza la manifestazione invernale e granconsigliera dei Verdi.

Perché organizzare l’evento in un periodo di emergenza energetica?

Ovviamente ci siamo posti la questione. Per primi noi, come organizzatori, ma anche coinvolgendo i partner privati e pubblici, come la Città di Locarno. Ci siamo trovati d’accordo sul fatto che, se non fosse stato sostenibile, avremmo rinunciato. Per dissipare i dubbi, abbiamo analizzato i consumi degli scorsi anni. Nel tempo, adottando diversi accorgimenti, li abbiamo ridotti almeno della metà. La pista di ghiaccio dello scorso anno, stando ai resoconti della Ses, incideva per circa un quarto sulla spesa per l’elettricità. La parte più "energivora" sembra essere il riscaldamento degli igloo». Gli organizzatori, dopo essersi consultati con lo speciale gruppo di lavoro cantonale per la crisi energetica, hanno iniziato a progettare l’edizione 2022-2023.

Quali misure adotterete in concreto?

La pista di ghiaccio sarà ridotta, ritornando alle dimensioni del 2005. Inoltre sarà in funzione solo dal 2 dicembre all’8 gennaio. Rinunceremo pure ai due terzi delle ghirlande luminose, tutte a Led: da duemila passeremo a circa 700 punti luce. L’albero di Natale sarà più piccolo del solito e verrà acceso solo dalle 18 alle 22. Le cupole non saranno più riscaldate come in passato con l’elettricità, bensì con stufe a pellet. E ancora: le casette gastronomiche saranno ridotte da 5 a 4; i concerti verranno di regola proposti il venerdì e il sabato (non più il giovedì); la chiusura serale sarà anticipata nelle giornate di domenica, lunedì, martedì e mercoledì, salvo se si tratta di giorni festivi. Inoltre abbiamo adottato un sistema di controllo per il motore del ghiaccio, per lo spegnimento automatico quando la temperatura notturna scende abbastanza. Insomma, un’edizione sobria, meno sfavillante rispetto a quelle passate, che potremmo quasi definire una "blackout edition".

Insistiamo: perché non rinunciare, lanciando così un segnale ancora più forte?

Diversi gli aspetti che bisogna tenere in considerazione, oltre alla sostenibilità ambientale. Locarno on Ice è una manifestazione nata 18 anni fa come luogo d’incontro, di socializzazione intergenerazionale. L’alto indice di gradimento di abitanti e turisti, confermato anche da un’inchiesta condotta dall’Organizzazione turistica regionale Lago Maggiore e Valli, e il numero di frequentatori, fino a 150mila all’anno, confermano la bontà dell’idea di partenza. Ci sono poi gli aspetti di promozione turistica ed economica per Locarno. L’indotto per la città è interessante, soprattutto pensando a un periodo dell’anno che altrimenti risulterebbe forse sottotono. Infine, va detto che la manifestazione dà lavoro a molte persone: negli anni d’oro abbiamo avuto fino a 80 collaboratori, alcuni stipendiati per quattro mesi, altri per periodi più brevi. Per l’edizione che è alle porte, ne avremo circa una cinquantina. Riducendo i consumi, introducendo nuove fonti energetiche sostenibili come il pellet di legna, diminuendo le luminarie e con le altre misure decise, partecipiamo allo sforzo collettivo e lanciamo comunque un messaggio di responsabilità, conservando posti di lavoro e funzione sociale.

Un ultimo aspetto sollevato dall’interrogazione riguarda la "fan zone" con schermo per trasmettere le partite dei Mondiali in Qatar. E qui subentra la questione etica...

A chi vorrà seguire i Mondiali in Piazza Grande non mancheremo di ricordare gli aspetti morali. Intendiamo infatti sfruttare questa occasione per fare comunicazione: questi campionati si tengono nel Qatar, un Paese in cui vige la sharia e in cui la legge prevede ancora sanzioni penali, quali la flagellazione e la lapidazione, che costituiscono una violazione palese della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura. Il Qatar è inoltre meta d’immigrazione di centinaia di migliaia di lavoratori asiatici, attirati da promesse di salari elevati, ma che poi, una volta giunti sul posto, sono sottopagati e costretti ad accettare condizioni lavorative e di vita che rasentano la schiavitù. Non a caso il quotidiano ‘20 minuti’ ha titolato "Stadi costruiti col sangue, un Mondiale di contraddizioni". Attribuendo al Qatar i Mondiali di calcio di quest’anno, la Fifa non ha purtroppo voluto tener conto degli aspetti umanitari e così anche la Svizzera vi parteciperà con la propria squadra nazionale. Tutti questi, ne sono certa, saranno temi di discussione in Piazza Grande. Locarno on Ice potrà così diventare anche una piattaforma di dibattito.

Leggi anche:

Locarno On Ice: come la mettiamo con le contraddizioni?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 min
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
17 min
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
38 min
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
39 min
Campione d’Italia, 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Luganese
1 ora
Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl
Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
1 ora
Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento
Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Mendrisiotto
2 ore
Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla
Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
2 ore
Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide
A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
2 ore
Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne
Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
3 ore
Quasi mille abitanti in più a Bellinzona
Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
© Regiopress, All rights reserved