laRegione
26.10.22 - 17:59
Aggiornamento: 18:33

Municipio di Locarno e Polcom, la Sel segue da vicino

La Sezione enti locali per ora non si muove e attende l’esito delle procedure amministrative prima di eventualmente intervenire

municipio-di-locarno-e-polcom-la-sel-segue-da-vicino

«Stiamo osservando e seguendo da vicino ciò che sta avvenendo in queste settimane. Ci sono tuttavia delle procedure amministrative in corso ed è per questo motivo che la Sezione enti locali (Sel) non si muove». Sono, queste, affermazioni di Marzio Della Santa, caposezione presso la Sel, da noi interpellato su eventuali, possibili, interventi nei confronti del Municipio di Locarno nella nota polemica relativa al Corpo della Polcomunale. «Siamo sul pezzo, vediamo come le cose evolveranno» – si limita a osservare Della Santa.

Verificare la reale portata del malumore

Sull’ultimo capitolo della spinosa storia emerge intanto anche la posizione del Municipio di Locarno che, rispondendo al malcontento degli agenti emerso al termine dell’incontro dello scorso 11 ottobre e sfociato nell’articolo della ‘Regione’, fa sapere di voler verificare se questo stato d’animo sia condiviso dalla totalità degli uomini della Polcomunale o se, invece, sia limitato ad alcuni agenti. L’esecutivo di Palazzo Marcacci nega inoltre di non aver concesso la parola ai presenti in sala e ribadisce che la riunione è stata organizzata proprio allo scopo di fare un po’ di chiarezza e dimostrare la vicinanza e il sostegno dell’autorità al Corpo cittadino. Interpellati, i tutori dell’ordine non avrebbero dunque sollevato critiche o posto domande specifiche. Agli agenti, come noto, è intanto stato chiesto di rispondere a un sondaggio da svolgere al computer, da compilare in forma anonima. Difficile e prematuro, in ogni caso, per ora, pensare che il clima teso stia cambiando, che gli animi siano più sereni e che le problematiche sviscerate in questi mesi siano vicine a una soluzione.

Leggi anche:

Per il Municipio un colloquio, per gli agenti una reprimenda

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Luganese
1 ora
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
8 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
9 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
10 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
10 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
11 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
11 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
12 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
12 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
© Regiopress, All rights reserved