laRegione
12.10.22 - 12:07
Aggiornamento: 13.10.22 - 07:48

Piazza Castello, ancora un pestaggio in Rotonda

Un video diffuso sui social mostra un ragazzo aggredito da un branco di giovani. Colpito alla testa con calci, pugni, sassate e persino uno skate

piazza-castello-ancora-un-pestaggio-in-rotonda
Ti-Press
Nuovo caso di violenza giovanile

È successo ancora. Locarno, e in particolare la sua Rotonda, tornano nuovamente sotto la luce dei riflettori per l’ennesimo caso di violenza tra giovani. E a testimoniarlo stavolta c’è pure un filmato che, nella serata di ieri, martedì, ha iniziato a girare sulle bacheche Facebook e nelle chat di WhatsApp di molti locarnesi e non solo.

Nel video, della durata di circa un minuto, si vede un gruppo di ragazzi (e sembrerebbe anche ragazze) lanciare dei sassi in direzione di un altro giovane. Gli urlano contro, probabilmente qualche incitamento allo scontro che il malcapitato sembra accogliere, iniziando a correre incontro ai suoi aguzzini. Chi filma dice che la vittima ha con sé un coltello. Poi, tutti insieme si fiondano sul ragazzo. Lo accerchiano e, colpendolo con una pietra, lo fanno cadere a terra.

Arrivati a questo punto il branco diventa incontenibile: un giovane, afferrando uno skateboard, lo colpisce alla testa. A turno si fiondano su di lui, sferrando calci, pugni e sassate, mirando anche al capo. Stufi – o soddisfatti – del "lavoro" si allontanano tranquilli, mentre la vittima resta a terra agonizzante.

I fatti risalgono alla notte tra venerdì e sabato, la polizia cerca testimoni

Come detto le immagini hanno iniziato a circolare martedì sera, ma i fatti risalgono allo scorso fine settimana, più precisamente alla notte tra venerdì e sabato. A confermarlo la Polizia cantonale, che trattandosi di lesioni gravi ha aperto d’ufficio un’inchiesta – nel caso di lesioni semplici invece si procede solo in presenza di una denuncia –. "Abbiamo ricevuto segnalazione corredata dal video (martedì, ndr) che si riferisce a fatti accaduti la notte tra il 7 e l’8.10.2022", ci dicono dalla Polcantonale.

Anche l’esatta dinamica è ancora tutta da chiarire e a tal proposito gli inquirenti affermano che "sono stati disposti gli accertamenti del caso", invitando "eventuali testimoni a contattare la Polizia cantonale al numero +41 848 25 55 55".

Da chiarire in particolare i motivi che hanno portato all’aggressione di gruppo. Stando ad alcune testimonianze raccolte dalla Regione da chi afferma di essere stato presente la sera dell’aggressione, tutto sarebbe partito dalla vittima, che avrebbe tra l’altro come detto estratto un coltello. Il ragazzo aggredito sarebbe "noto" non solo nell’ambiente, ma anche alle forze dell’ordine per la sua attitudine a voler cercare lo scontro.

Quanto alle sue condizioni, non sono per ora note, così come non è chiaro chi lo abbia eventualmente soccorso (nel finale del video dopo il pestaggio si vede un altro gruppetto di persone avvicinarsi timidamente).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Luganese
1 ora
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
8 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
9 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
10 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
10 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
11 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
11 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
12 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
12 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
© Regiopress, All rights reserved