laRegione
laR
 
29.09.22 - 07:33
Aggiornamento: 15:37

Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti

L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone

nodo-viario-di-ponte-brolla-le-criticita-discusse-dai-residenti

Il futuro della stazione ferroviaria Fart di Ponte Brolla e del nodo viario stradale (con la creazione di un parcheggio Park&Ride) saranno al centro di una mattinata informativa promossa dal Comitato dell’Associazione di Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne per sabato prossimo (inizio alle 9.30, al Ristorante Stazione). Progetti, questi ultimi, contestati oltre che dall’Associazione citata, anche da numerosi cittadini residenti e da diversi esercenti, che non condividono affatto le soluzioni adottate. "Siccome siamo preoccupati per l’impatto negativo che queste opere genereranno a sfavore degli abitanti del quartiere e considerato che è possibile presentare osservazioni all’indirizzo delle autorità cantonali competenti entro il 4 ottobre 2022, abbiamo ritenuto opportuno proporre un incontro informativo e sentire il vostro parere", annotano nel volantino d’invito i promotori dell’incontro.
Proprio di recente, alcuni membri del Comitato dell’Associazione hanno avuto la possibilità di visionare e prendere atto dei contenuti dei progetti presso l’Ufficio tecnico della Città di Locarno. Ebbene a detta degli interessati, la documentazione fornita da Bellinzona risulta alquanto incompleta e questo sicuramente è già motivo di contestazione.
Per gli oppositori, gli elaborati presentati non risolvono assolutamente il problema di fondo ma costituiscono uno spreco di denaro pubblico ("si parla di un investimento, tra ferrovia e strada, superiore ai 5 milioni di franchi, ai quali andranno sicuramente aggiunti i rincari legati al costo delle materie prime che la guerra in Ucraina sta causando").

La stazione? ‘Meglio altrove’

Per quanto attiene la ferrovia, l’idea di fondo, lo ricordiamo, è quella di togliere la vecchia stazioncina sostituendola con due pensiline e adattare i marciapiedi d’accesso ai treni per le persone con problemi motori (adeguamento imposto dalla Legge federale sui disabili). Questo piano di lavoro implicherà anche lo sbancamento di buona parte della parete rocciosa posta sul lato nord del piazzale e la creazione di un muro di sostegno del terreno in calcestruzzo. Un cantiere assai rumoroso che, ovviamente, non farà far salti di gioia ai confinanti e alla clientela del vicino ristorante, anche perché svolti soprattutto la notte per non perturbare il traffico ferroviario. Per un’area residenziale e a vocazione turistica, già confrontata con il perenne disturbo fonico prodotto dal vicino stand di tiro, le preoccupazioni sono più che legittime, insomma. Meglio sarebbe stato, per costoro, spostare direttamente la fermata della Centovallina dall’altra parte del ponte sulla Maggia, all’altezza dell’ex laghetto Aet, in territorio del Comune delle Terre di Pedemonte (frazione di Tegna).

‘Un Park & Ride fuori mano e di disturbo’

Ma non è unicamente la ferrovia a togliere il sonno ai domiciliati nel quartiere cittadino di Ponte Brolla. Anche i progetti inerenti la correzione della cantonale (ente promotore il Cantone, nell’ambito del Paloc) sono oggetto di contestazione. Non piace l’idea di privare dei posteggi riservati alla clientela il Ristorante Stazione, ancor meno piace la realizzazione di un Park&Ride in zona Vattagne, un’area residenziale che teme il disturbo generato dal via vai di automobili. Oltretutto, sostengono gli oppositori, il parcheggio sostitutivo verrebbe edificato in un punto completamente fuori mano per i ristoranti, che rischierebbero, così, di perdere i clienti. Insomma le criticità legate a questi progetti infrastrutturali voluti per migliorare la mobilità interurbana non convincono affatto la popolazione locale (e pure molti residenti delle vicine Terre di Pedemonte), che teme un peggioramento della qualità della vita nella zona e che per questo è pronta a dar battaglia fino in fondo.

Leggi anche:

Ponte Brolla, opposizioni al cantiere della stazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
3 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
1 gior
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
© Regiopress, All rights reserved