laRegione
21.09.22 - 15:55
Aggiornamento: 16:14

Aeroporto, ‘senza concertazione non si va da nessuna parte’

Alla serata dell’Alba sulle prospettive della struttura locarnese mosse critiche al Cantone, reo di non impegnarsi con convinzione a difesa dello scalo

aeroporto-senza-concertazione-non-si-va-da-nessuna-parte

"Bisogna fare gioco di squadra. Da soli non si va da nessuna parte!". "Serve una gestione attiva del progetto"; o, ancora, "Occorre che le autorità politiche siano convinte, sennò non si ottiene nulla". Sono, queste, alcune delle osservazioni (critiche) emerse martedì sera, nella sala del Consiglio comunale di Tenero, in coda all’incontro pubblico organizzato dall’Alba (l’Associazione locarnese e bellinzonese per l’aeroporto cantonale) per chiarire quelli che sono limiti e prospettive di questo aerodromo sulle rive del Verbano. Serata che, come ha precisato Davide Pedrioli, già direttore dell’Aeroporto cantonale, voleva essere «uno scambio di opinioni fuori dagli schemi classici del pro e contro». L’incontro (al quale hanno risposto presente diversi piloti, rappresentanti delle istituzioni locali e attori della struttura ma nessun portavoce delle autorità cantonali né degli ambientalisti) è stato introdotto dalla presentazione dello scalo, affidata a Nicola Ravasi, pilota per passione e presidente dell’Aero club Locarno. Dopo aver snocciolato cifre, contenuti e virtù di questo dinamico perimetro, Ravasi è stato chiaro: «Siamo arrivati a un bivio: o rimanere così, o andare un tantino meglio aggiornando le infrastrutture, senza stravolgere la realtà attuale».

‘Muoversi in punta di piedi’

Il presidente dell’Aero club ha pure ricordato gli sforzi profusi «per rendere meno invasiva la nostra presenza al cospetto della popolazione del comprensorio e dell’ambiente protetto, come l’acquisto di aeromobili meno rumorosi, i decolli a potenza ridotta del motore, modifiche ai propulsori e altro ancora. Accorgimenti e misure che richiedono investimenti finanziari anche notevoli agli interessati, per far sì che ci si possa muovere in ‘punta di piedi’ e che l’Aeroporto abbia un futuro.
Ha invece proposto un excursus storico sull’evoluzione territoriale del Piano di Magadino l’altro relatore della serata, l’urbanista e geografo Francesco Gilardi. Il suo ‘viaggio’ dal passato al presente ha messo a fuoco lo sviluppo urbanistico degli ultimi secoli di questo comparto un tempo dominato dal verde e dallo scorrere, libero, del fiume Ticino.«Il Piano di urbanizzazione cantonale (Puc) del 2014 è lo strumento per favorire uno sviluppo armonioso e rispettoso di tutte le sue componenti, Aeroporto incluso. È la piattaforma che può unire tutte le parti attorno a un tavolo di discussione» – ha affermato.

‘Il Cantone non ha fatto i suoi compiti’

Chiusa la parte riservata alle presentazioni, ad accendere la miccia ci ha pensato Davide Pedrioli, rispondendo a una precisa domanda sul progetto di aggiornamento infrastrutturale (mini allungamento della pista, nuove luci), fermo da anni a Berna. «Il Cantone non ha fatto i suoi compiti. Circa tre anni fa il progetto, esaustivo in tutti i suoi aspetti e rispettoso della pianificazione, è partito; i servizi federali latitano, anche se tutto è in regola e non può che essere approvato». Dalla sala un primo intervento, da parte di un rappresentante del mondo agricolo, Claudio Cattori, il quale ha toccato la questione dell’illuminazione della pista, da svecchiare («con la crisi energetica attuale, perché non installare delle luci moderne e tecnologiche che consentirebbero notevoli risparmi?»).
Gianbeato Vetterli, pilota ed esperto di aviazione, ha invece denunciato la scarsa volontà di parlarsi dimostrata dalle associazioni ambientaliste che si oppongono alla modernizzazione delle infrastrutture aeroportuali. Ha poi sottolineato come gli aeroporti odierni siano, un po’ ovunque, dei ‘parchi naturali ben definiti’, ricordando come la vocazione turistica del nostro cantone imponga questo passo. Tiziano Ponti, ex sindaco di Gambarogno e già comandante della Base Aerea di Locarno, ha dal canto suo ribadito il peso delle istituzioni politiche nel contesto del Piano di Magadino, aggiungendo che «il problema delle continue frizioni ambientaliste con l’Aeroporto (tra l’altro riconosciuto come tale nella pianificazione cantonale e federale), è il frutto dell’Inventario federale delle zone palustri (Zona 260) istituito negli anni Ottanta e relativo alle Bolle di Magadino». In pratica si è disegnato il perimetro naturalistico di un’area all’interno della quale era già presente l’Aeroporto.

La politica, questa latitante

Dinnanzi a una situazione di stallo che si trascina, ormai, da decenni, la classe politica (il cui appoggio non è ritenuto sufficiente, come più volte sottolineato in sala) è stata chiamata a dar prova di un maggior sostegno e coinvolgimento. Bixio Caprara, granconsigliere Plr, ha invitato a non riversare tutte le colpe sulle istituzioni e ha chiesto lumi sulla difesa degli interessi dell’Aeroporto cantonale, a Berna, da parte della deputazione ticinese. Il problema di fondo, in questo ambito, è parso di capire, sta proprio tutto nella mancanza di concertazione e determinazione nella gestione del progetto da parte del Cantone.
«Il Ticino ha un’immagine internazionale da difendere, con le sue eccellenze (pensiamo al Festival del film, all’offerta turistica, al Cst di Tenero, ad Ascona e molto altro ancora) che lo rendono unico e appetibile. L’Aeroporto va adeguato a questo compito nel settore del volo commerciale – ha ammonito Renato Borra, imprenditore e appassionato d’aviazione –. Ma è chiaro che c’è qualcosa che non funziona a livello istituzionale. Esiste un problema di fondo che fa sì che siamo allo sbando. L’Aeroporto non interessa a nessuno, è lì da vedere... Per non parlare degli altri problemi del Piano di Magadino, come il collegamento A2-A13. Altrove si investono milioni, qui è un disastro!».
Al contrario di quanto avviene in altri Cantoni i cui politici danno prova d’impegno in prima linea, ha fatto rimarcare Bixio Caprara, «se manca la convinzione e non c’è gioco di squadra non si va da nessuna parte. Dobbiamo cantare tutti la stessa canzone e lavorare uniti».
Appello fatto suo anche da Roberta Passardi, copresidente di Aspasi (Associazione passeggeri aerei Svizzera italiana), la quale ha invitato tutti gli attori delle quattro strutture aeroportuali ticinesi a remare nella stessa direzione e a non curare unicamente il proprio orticello: «La credibilità del Cantone va a scemare se non c’è coordinamento» – ha ammonito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
8 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
9 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
9 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
10 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
10 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
11 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
12 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
12 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
12 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
13 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved