laRegione
laR
 
20.09.22 - 08:30
Aggiornamento: 15:37

Losone, strategie energetiche e risparmio

Dallo studio assegnato alla Supsi nel 2015 alle misure urgenti per tagliare i consumi di elettricità

losone-strategie-energetiche-e-risparmio
Ti-Press
Il cuore della centrale a legna di Losone

Losone non è stato colto del tutto impreparato dalle sfide in ambito energetico con cui sarà confrontato il Comune nei prossimi mesi. Già nel 2015 il Municipio aveva assegnato alla Supsi un mandato per l’allestimento di un piano energetico comunale. Il lavoro del gruppo di ricerca dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito ha permesso di definire una strategia per aumentare la produzione locale di energia e ridurre i consumi. Sulla base di questo piano, all’inizio del 2020 è stata introdotta una serie d’incentivi per promuovere l’efficienza energetica, l’impiego delle energie rinnovabili e la mobilità sostenibile. «La popolazione ha risposto fin da subito positivamente alla nostra iniziativa – afferma il sindaco Ivan Catarin –. Penso che i progressi che sono stati fatti negli ultimi anni grazie agli incentivi ci mettano in una posizione migliore per quest’inverno».

Il Piano energetico comunale è un ambizioso progetto con una prospettiva a lungo termine. Gli obiettivi posti dalla Supsi arrivano, infatti, fino al 2035 e oltre. L’attuale situazione del mercato energetico ha, quindi, indotto il Municipio losonese ad attivarsi e valutare delle misure di risparmio energetico da implementare nel breve e medio termine in relazione all’evoluzione dei costi dell’energia. «Anche se a Losone il gas naturale svolge un ruolo insignificante, come del resto per tutto il Locarnese, le difficoltà sul mercato europeo si rifletteranno inevitabilmente anche su di noi – indica il sindaco –. Il nostro Esecutivo sta in particolare esaminando dei provvedimenti che possano essere introdotti rapidamente, ma soprattutto senza mettere a rischio la sicurezza pubblica e il lavoro dell’amministrazione comunale. A questo proposito prevediamo di organizzare un incontro con la Ses, di cui il Comune è uno dei più importanti azionisti, per valutare più nel dettaglio le soluzioni a disposizione». Nel frattempo, il Municipio ha già deciso di rinunciare alle tradizionali luci natalizie e di ridurre l’illuminazione pubblica durante gli orari notturni. Una scelta in linea con quanto già attuato dall’Erl (Energie rinnovabili Losone Sa), l’azienda che gestisce la centrale termica a cippato di cui il Comune è proprietario per un terzo, che ha sospeso fino a nuovo avviso l’illuminazione notturna della sua distintiva torre.

Il Comune sta anche procedendo a una verifica delle misure che possono essere messe in atto immediatamente all’interno degli stabili comunali. Inoltre, sarà affidato un mandato esterno a uno specialista per allestire un protocollo di comportamento per le scelte individuali del personale. Tuttavia, il Municipio è convinto che l’introduzione di misure straordinarie non deve distogliere dagli obiettivi a lungo termine posti dal Piano energetico comunale. «Un vero risparmio energetico non può essere limitato solo al contenimento e alla riduzione dei consumi quotidiani – conclude Catarin –. È fondamentale proseguire con il risanamento degli edifici e gli investimenti nelle fonti energetiche locali». Gli incentivi comunali sostengono in particolare il rinnovo energetico degli stabili e l’installazione di termopompe e impianti solari termici e fotovoltaici. In ambito d’indipendenza energetica il Comune ha fatto importanti passi avanti proprio con la già citata Erl. La centrale termica, una delle più grandi del Cantone, serve oltre 70 utenti, tra cui grosse industrie, commerci e anche le scuole comunali, che quest’inverno avranno il riscaldamento garantito grazie all’uso di legna locale.

Anche Ascona sta lavorando sulle possibilità di risparmio di energia elettrica. «Il Municipio è in attesa del rapporto dell’Ufficio energia del comune – spiega il sindaco Luca Pissoglio –. Un rapporto che ci permetterà di capire quali siano le misure più efficaci per ottenere una riduzione dei consumi».

Ascona, aumento contenuto

Ricordiamo che Ascona ha la sua azienda elettrica comunale, che distribuisce l’energia a oltre settemila clienti/utenti. Per ciò che concerne l’illuminazione pubblica, su tutto il comprensorio vi sono circa 1’750 punti luce, che – specifica Pissoglio – sono quasi tutti dotati di tecnologia Led.

E per quanto concerne le tariffe? «Quelle per il 2022 le abbiamo pubblicate alla fine dello scorso mese di agosto. Gli aumenti ci saranno, ma minori di quelli applicati da altre aziende ticinesi. Il rincaro, per quanto ci concerne, si attesta attorno al 25-28 per cento. Va detto che il 75 per cento dell’elettricità arriva dall’Azienda elettrica ticinese (il prodotto è "Aet blu"), tramite un contratto firmato tempo fa e che è ancora in vigore. Ciò che ci permette di contenere il caro energia». Pissoglio, in conclusione, annuncia che nei prossimi giorni il Municipio fornirà informazioni dettagliate sia sulle tariffe elettriche sia sulle misure di risparmio che il Comune intende adottare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
15 min
Pura, chiesti 4 anni per la donna che accoltellò il marito
La 35enne è accusata di tentato omicidio intenzionale, accuse che ha contestato, ritenendo di averlo colpito per difesa e senza intenzione di ferirlo
Bellinzonese
44 min
Rabadan, il pass settimanale costa 10 franchi in più
Sei giorni di Carnevale a Bellinzona costeranno 70 franchi (80 in cassa). Giovedì, venerdì e sabato 35 franchi (invece che 30). Corteo ancora a 10 franchi
Grigioni
4 ore
Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo
Nuove informazioni sono attese per domani. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
5 ore
Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’
Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Luganese
7 ore
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Locarnese
7 ore
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
7 ore
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Ticino
14 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
15 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
18 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
© Regiopress, All rights reserved