laRegione
14.09.22 - 13:38
Aggiornamento: 17:33

Scorci di Vallemaggia al Washington Post

Il fascino rustico della valle colpisce e incanta anche la carta stampata d’Oltreoceano

scorci-di-vallemaggia-al-washington-post
Ti-Press
‘Una valle rustica’. Nella foto veduta panoramica di Foroglio, Valle Bavona

Solo due mesi fa, nella piazza più iconica d’America (e forse pure del mondo), ovvero Times Square, venivano esposti alcuni scatti della Svizzera e del Ticino, grazie a una campagna promozionale lanciata da Svizzera Turismo. L’obiettivo? Quello di attrarre possibili turisti statunitensi (e non solo). E ad oggi qualche frutto sembra esserci stato, tanto che un giornale importante come il ‘The Washington Post’ ha deciso di dedicare un ampio reportage sulle bellezze del Ticino e in particolare della Vallemaggia. La valle del Locarnese è descritta da Sylvie Bigar, scrittrice e autrice dell’articolo, come "vicina al confine svizzero con l’Italia, dove le vestigia del passato sono scolpite nella pietra". Un viaggio, che inizia partendo da qualche vecchio cliché e si trasforma in un percorso più profondo, che va oltre un Ticino tutto ‘sole, Merlot e mandolino’.

Da Locarno a Mogno, passando anche per la Valle Onsernone

Locarno, Ponte Brolla, Maggia, Cevio, passando poi lungo le vallate laterali della Lavizzara e della Bavona, nonché una ‘toccata e fuga’ anche nella vicina Valle Onsernone. Queste grossomodo le mete toccate dalla giornalista durante il suo giro in automobile. Diversi i luoghi visitati. Da quelli più gettonati e turistici, come la chiesa di Mario Botta a Mogno, ai grottini che circondano la frazione di Cevio Vecchio e che un tempo servivano da frigoriferi naturali per la conservazione del cibo, perlopiù carne, formaggi, patate.

E poi i fuori programma come la visita in Val Onsernone: "Tornata a Ponte Brolla, mi sono diretta a ovest, nella Valle dell’Onsernone, dove secoli fa ben 27 mulini ad acqua ‘ronzavano’ lungo il fiume. Nel minuscolo paese di Vergeletto ho conosciuto Ilario Garbani, un maestro in pensione che, in collaborazione con il Museo di Valle Onsernonese, lavora per far sì che le tradizioni ancestrali non vengano perse. Produce la farina bóna, una farina di mais tostato finemente macinata. Pioveva molto e il torrente si presentava funesto. Anche qui ho notato come la comunità avesse imparato a sfruttare il potere della natura per aiutarla nella vita quotidiana.

Vita, morte e miracoli della gente che fu

Ma la storia di un luogo non si conosce solo attraverso i paesaggi, i monumenti e le attrazioni. Anche le persone offrono preziose testimonianze sul passato. Il Washington Post per l’occasione ha intervistato lo storico e guida Flavio Zappa, grande conoscitore della realtà valmaggese: "La vita qui era molto dura – racconta lo storico a Bigar ricordando poi il periodo delle grandi migrazioni –. A partire dal 1850 e fino alla Prima guerra mondiale, ondate di emigrazioni hanno portato generazioni di uomini in Australia e California. Alcuni si stabilirono lì, come la famiglia Lafranchi, altri tornarono e costruirono i tanti "palazzi degli emigrati", case progettate sui modelli incontrati Oltreoceano". Non solo palazzi ma anche cappelle votive e monumenti, come testimonianza del proprio sacrificio e, in alcuni casi, di prosperità. "I soldi che guadagnavano Oltreoceano li mandavano a chi era invece rimasto, ovvero le donne e i bambini. La partenza dei soli uomini ha permesso di non far morire la comunità, ma ha anche creato uno squilibrio della popolazione che si sarebbe corretto solo un secolo dopo".

Il Ticino visto con altri occhi

Leggere i contributi esterni è sempre una sorpresa, poiché chi viene ‘da fuori’ ha sguardi e approcci differenti al territorio. Quello che può essere scontato o banale per chi in Ticino ci vive, per un turista può invece trattarsi di una piacevole sorpresa. Alla fine del suo viaggio, la scrittrice Sylvie Bigar, nella chiusa del suo pezzo si dice soddisfatta: "Ero venuta in Vallemaggia alla ricerca della natura, ma le discrete valli rivelavano molto più che splendidi paesaggi alpini. Sotto la roccia, una società è emersa, si è fatta strada attraverso gli elementi e ci ha lasciato un affascinante pezzo di cultura svizzera".

E chissà se altri, leggendo l’articolo del Washington Post, si appunteranno la Vallemaggia fra le mete per le prossime vacanze.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
4 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
4 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
5 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
8 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
8 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
8 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
17 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
17 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
17 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
18 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
© Regiopress, All rights reserved