laRegione
08.09.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:34

Locarno, l’agente a rischio si oppone e ottiene sostegno

Il poliziotto a cui è stato prospettato il licenziamento per presunti atti di esibizionismo contesta l’inchiesta. I suoi colleghi scrivono al Municipio

locarno-l-agente-a-rischio-si-oppone-e-ottiene-sostegno

L’agente della Polizia comunale di Locarno a rischio licenziamento a causa di presunti atti di esibizionismo non ci sta. Nei giorni scorsi, attraverso il suo avvocato, si è infatti opposto alle misure che gli sono state prospettate (che appunto arrivano fino all’interruzione del rapporto di lavoro) e ha presentato per iscritto al Municipio le proprie osservazioni in merito all’inchiesta che lo coinvolge, definita arbitraria e di cui ne contesta dettagliatamente premesse, modalità e conclusioni.

Tra le novità, emerge pure un appello a sostegno dell’agente a rischio licenziamento firmato da una quarantina di suoi colleghi e inviato al sindaco Alain Scherrer e al resto del Municipio cittadino. Una missiva che verosimilmente è già finita tra gli atti dell’inchiesta amministrativa sulla stessa Polcomunale locarnese, condotta dall’ex procuratore Marco Bertoli.

I fatti emersi nell’ambito dell’inchiesta amministrativa ancora in corso

Una procedura quest’ultima che lo ricordiamo era stata commissionata dallo stesso Esecutivo per far luce su un presunto malcontento all’interno del Corpo di Polizia, manifestatosi – come sottolineato lo scorso febbraio da un’interrogazione interpartitica a 22 firme – anche con la partenza di diversi agenti (si parlava di 12) in poco tempo. Cifre in seguito ridimensionate dal capodicastero sicurezza Pierluigi Zanchi, ma che hanno comunque portato all’apertura della citata inchiesta amministrativa affidata all’avvocato Bertoli. Quest’ultimo lo scorso giugno ha presentato un rapporto intermedio al sindaco Scherrer e colleghi che, dopo averlo esaminato, hanno proceduto a una serie di audizioni e incontri con gli agenti e con il comandante Dimitri Bossalini, in seguito ai quali si è deciso di far proseguire – estendendolo – il lavoro di Bertoli.

E proprio dalle testimonianze raccolte dall’ex procuratore, sono emersi i fatti contestati all’agente ora a rischio licenziamento, il quale avrebbe commesso, mentre era in servizio, presunti atti di esibizionismo davanti ai propri colleghi e in particolare nei confronti di una (ora) ex collega. Un agire nel quale non sono stati riscontrati elementi di rilevanza penale, ma ritenuto tuttavia inopportuno considerata anche la sua funzione. Da sottolineare inoltre come l’uomo non sia stato sospeso, in quanto la misura è stata ritenuta non proporzionale dal Municipio, che attendeva tra l’altro una presa di posizione dell’interessato. Osservazioni infine arrivate e attraverso le quali l’agente respinge le accuse, opponendosi al prospettato licenziamento.

38 poliziotti sostengono il collega e chiedono chiarimenti all’Esecutivo

Le spiegazioni del poliziotto non sono però l’unica raccomandata arrivata recentemente a Palazzo Marcacci, visto che pochi giorni fa a sindaco e colleghi è stata recapitata pure una lettera spontanea, redatta e firmata da ben 38 agenti (in totale sono poco più di una quarantina) della Polcomunale locarnese, nella quale in sostanza si esprime sostegno e massima stima nei confronti del collega a rischio licenziamento, sottolineandone le qualità sia a livello professionale, sia umano.

Il contenuto dettagliato della missiva, per ora, resta confidenziale. Tuttavia, da nostre fonti, risulta che i firmatari, oltre a invitare l’Esecutivo cittadino a sentire tutti i colleghi dell’agente sotto "accusa" – non tutti sarebbero stati interpellati, creando in taluni la sensazione di non venir presi in considerazione –, chiedono di rivedere la decisione presa nei suoi confronti, in particolare la prospettata interruzione del rapporto di lavoro.

Nella lettera gli agenti domandano infine chiarimenti sullo stato dell’inchiesta amministrativa in corso, che era stata prospettata loro dal sindaco e dal segretario comunale già in occasione del rapporto di Corpo del gennaio 2022 ma che, secondo i firmatari, si è nel frattempo tramutata in un accanimento nei confronti di una persona specifica.

Leggi anche:

Polcom Locarno, il figlio del comandante a rischio licenziamento

Locarno, agenti in fuga dalla Polcomunale. Il Municipio che fa?

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
5 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
7 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
9 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
9 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
9 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
11 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
13 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
16 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved