laRegione
05.09.22 - 10:56
Aggiornamento: 16:33

Inchiesta sul Corpo di polizia, ‘no alla strumentalizzazione!’

I Verdi del Locarnese chiedono ai partiti di non cavalcare la polemica a fini elettorali e fanno fronte compatto a difesa del capodicastero di Locarno

inchiesta-sul-corpo-di-polizia-no-alla-strumentalizzazione

Non si strumentalizzi la polemica che ha investito il Corpo di polizia cittadino a fini politici. La richiesta arriva dalla formazione politica de ‘I Verdi del Locarnese’, i quali ‘hanno a cuore il buon funzionamento del Comune di Locarno e per questo seguono con particolare attenzione il dibattito politico e pubblico nato attorno alla Polizia comunale’.
La formazione ecologista fa pure quadrato attorno al capodicastero, Pierre Zanchi, in un ‘momento, in cui le questioni legate alla polizia, sembrano strumentalizzate a fini politici e partitici, tramite fughe di notizie pilotate’. Per questa ragione ribadiscono la loro fiducia a Zanchi, eletto appena un anno fa sulla Lista ‘Verdi e indipendenti’ come pure all’intero Municipio.
"È noto – si legge in un comunicato – che un eventuale ramo storto di un albero non può essere imputato all’ultimo giardiniere che l’ha annaffiato. Negli ultimi 20 anni, alla direzione del Dicastero di polizia di Locarno si sono succeduti esponenti di vari partiti, come: il predecessore di Pierre Zanchi, il Plr Simone Merlini, oggi consigliere comunale e firmatario delle interrogazioni; il Plr Niccolò Salvioni e Marco Pellegrini, attuale presidente della sezione locarnese del Ppd, ora Centro. Sono dunque diversi gli ex municipali, che volenti o nolenti, potrebbero aver contribuito alla situazione attuale. Se l’inchiesta esterna dovesse rilevare delle problematiche oggettive, è utile pure rammentare che la responsabilità della polizia è in primo luogo quella del suo comandante, che se necessario saprà difendersi, ed è certamente suo diritto, nelle sedi opportune".

‘Trasparenza e oggettività’, ma i problemi attuali sono anche altri

Sempre stando a quanto riportato dai Verdi, "la polizia fa più notizia di altre questioni altrettanto gravi con cui è confrontata Locarno. Per esempio la pianificazione troppo lenta, gli aspetti ecologici ed energetici, la questione della riduzione del traffico, le finanze ecc., tutti temi che meritano perlomeno analoga attenzione. Per offrire un servizio di polizia di qualità alla cittadinanza e per il bene del Comune è importante assicurare trasparenza e recuperare oggettività, in modo da risolvere al più presto le eventuali problematiche riscontrate.
Ben venga dunque l’inchiesta esterna che il Municipio ha affidato a Marco Bertoli. Ecco perché i Verdi del Locarnese ritengono che il dibattito vada riportato nelle opportune sedi. È l’intero Municipio, vista la difficoltà del settore, che deve farsi carico delle sue eventuali responsabilità passate e attuali e offrire una prospettiva di miglioramento".
I Verdi del Locarnese, infine, sono convinti che "anche a seguito dei diversi riscontri positivi provenienti dal territorio, la stragrande maggioranza dei nostri tutori della legge svolge il suo lavoro a favore dei cittadini con dedizione e onestà, ecco perché la polizia di Locarno merita di poter tornare a svolgere il suo lavoro in un ambiente sereno".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
10 min
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
1 ora
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
1 ora
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
3 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
6 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
6 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
6 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
16 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
17 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
20 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
© Regiopress, All rights reserved