laRegione
laR
 
02.09.22 - 05:20
Aggiornamento: 18:53

Uno, Du...athlon, Triathlon: nuova partenza per Locarno

Dopo l’annullamento dell’edizione 2020 e le restrizioni del 2021, la manifestazione sulle rive del Verbano torna (nel weekend) a girare a pieno regime

uno-du-athlon-triathlon-nuova-partenza-per-locarno

Uno, Du…athlon, Triathlon! È tutto pronto a Locarno per l’ormai tradizionale e amatissimo appuntamento sportivo sulle rive del Verbano, nato nel 1984 e dal ’97 portato avanti dall’attuale comitato organizzatore. L’edizione 2022, in programma sabato e domenica, segna – come per la maggior parte delle manifestazioni estive – il ritorno alla normalità dopo lo stop forzato del 2020 e le limitazioni del 2021, sempre a causa della pandemia.

«Effettivamente l’anno scorso siamo dovuti rimanere sotto la fatidica soglia di mille persone tra atleti, pubblico e addetti ai lavori, ma nonostante tutto è comunque stata un’edizione positiva, durante la quale abbiamo pure ospitato i Campionati svizzeri – ci spiega colui che proprio da due anni presiede il comitato organizzatore, Juro Grgic –. Abbiamo approfittato della pausa forzata del 2020 per riorganizzarci e siamo contenti di poter tornare ad accogliere più persone, anche se l’intenzione è quella di non andare troppo oltre i 1’300-1’400 partecipanti sui due giorni, che rappresenta la media pre-pandemia. Questo perché oltre quella soglia, sarebbe più difficile mantenere la buona qualità organizzativa che abbiamo raggiunto, anche pensando ai disagi legati al traffico (partenza e arrivo sono sempre previsti in zona Lido, ma il percorso più lungo porterà gli atleti, in bici, fino a Bignasco, ndr). Un buon livello di qualità e sicurezza tra l’altro certificato anche dal riconoscimento di "Gold Event" assegnatoci da Swiss Triathlon e di cui andiamo molto fieri».

Sì perché organizzare una manifestazione del genere è tutt’altro che evidente… «A Lugano nel 2019 hanno provato a reintrodurre una gara ma si sono scontrati con parecchie difficoltà. Noi abbiamo la fortuna di avere dalla nostra parte la tradizione di un evento nato quasi quarant’anni fa dall’unione di Nuoto sport Locarno, Velo club Verbano, Virtus e Società podistica locarnese, che proprio nel triathlon vedevano un punto d’incontro per sfidarsi tra loro. La cultura sportiva di quelle società ha permesso di tramandare una manifestazione che come detto oggi è un appuntamento quasi irrinunciabile per molti ticinesi ma non solo, visto che quasi due terzi dei partecipanti arrivano da fuori cantone. Una tradizione che si riflette in particolare nelle persone pronte a mettersi a disposizione: senza la loro passione e l’ottima rete creata in questi anni, sarebbe ad esempio impossibile trovare i 250 volontari che ci servono per ogni giornata».

Una prova ‘monca’ per superare l’ostacolo del nuoto

Al Triathlon di Locarno ce n’è davvero per tutti i gusti, visto che si va dalle prove per i più piccoli del sabato (Kids Triathlon e Youth-Tri, aperte ai bambini dai 3 anni fino ai giovani di 17) a quelle degli adulti (al momento l’iscritto più anziano ha 87 anni), con i professionisti – o perlomeno esperti – che domenica si daranno battaglia sulle distanze Olimpica (1,5 km nuoto, 40 km bici, 10 km corsa, a cui si può partecipare anche come staffetta) e Medium (1,9 nuoto, 90 bici, 21 corsa). Tra questi spiccano il ticinese Sasha Caterina (nazionale svizzero nella categoria Elite c) e il confederato Jan Van Berkel, vincitore di diversi Ironman e mezzi Ironman, nonché la grande Nicola Spirig, oro olimpico a Londra 2012 e argento a Rio 2016, che disputerà proprio a Locarno la penultima gara della sua incredibile carriera. Quanto ai triathleti… del sabato, potranno cimentarsi nei più accessibili Mini-Tri (prova sprint che prevede 500 m a nuoto, 20 km in bici e 5 a piedi) e, novità dello scorso anno riconfermata, nel Duathlon, che non prevede tratte a nuoto ma due di corsa di rispettivamente 2,5 e 5 km, inframezzate da 20 km sulle due ruote… «Questa variante apre le porte a chi è proprio restio a cimentarsi nel nuoto, dando così la possibilità a più persone di avvicinarsi alle multidiscipline. Non a caso lo proponiamo su una distanza introduttiva, relativamente breve, che rappresenta una sorta di invito a provare questo sport anche a chi arriva da altre discipline. Penso ad esempio ai ciclisti (o ex), in Ticino ne abbiamo molti che potrebbero essere frenati dalla tratta a nuoto, così abbiamo deciso di offrire anche una prova che non la prevedesse».

Tra una prova e l’altra, la possibilità di aiutare i bambini ucraini

Infine, da segnalare che da quest’anno Triathlon Locarno ha quale partner di beneficenza ufficiale Unicef Svizzera e Liechtenstein e si impegna per la raccolta di fondi a sostegno dei bambini in difficoltà e più bisognosi... «Il triathlon di Locarno è un evento volto a promuovere i valori dello sport come la solidarietà, la lealtà e il rispetto per ogni singola persona – spiega ancora Juro Grgic –. Il mandato dell’Unicef di contribuire alla protezione e allo sviluppo del potenziale di ogni bambino, coincide perfettamente con questi valori».

Nello specifico, le donazioni raccolte sul posto confluiranno nei programmi dell’Unicef per la protezione dei bambini ucraini, che da oltre sei mesi soffrono con le loro famiglie per le conseguenze della guerra. I partecipanti al Triathlon al momento dell’iscrizione hanno la possibilità di effettuare una donazione, mentre chi non partecipa fisicamente alle gare può acquistare articoli di merchandising per sostenere vari programmi dell’Unicef, che ha una postazione nel villaggio gara con un proprio stand, presso il quale tutte le persone interessate possono informarsi sulle possibilità di donazione. Inoltre, una seconda postazione al Lido accoglierà per uno scambio di idee e attività ludiche le famiglie dopo il triathlon dei bambini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
9 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
9 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
10 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
11 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved