laRegione
laR
 
23.08.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:30

Raro terreno artigianale ad Ascona, interessati cercansi

Il locale Patriziato apre il concorso per un sedime di quasi duemila metri quadri in zona Prà di Vizi

raro-terreno-artigianale-ad-ascona-interessati-cercansi
Swisstopo
Veduta aerea della zona

Una striscia di terreno che ad Ascona, e più in generale nel cuore dell’agglomerato urbano del Locarnese, è una rarità. Il locale Patriziato, proprietario del sedime di quasi duemila metri quadri in zona Prà di Vizi, ha aperto un concorso per cercare interessati. La particolarità sta nella destinazione assegnata all’area dal Piano regolatore (Piano di quartiere): in sostanza, è possibile realizzare stabili che ospitano attività artigianali (artigianato classico, escluse imprese di costruzione e giardinaggio).

Il canone di locazione annuo del diritto di superficie ammonta, al minimo, a diciotto mila franchi (novemila nel periodo che precede la concessione dell’abitabilità ai futuri stabili; quindi durante progettazione, iter per l’ottenimento dei permessi di costruzione ed edificazione). Una cifra stabilita tramite perizia, che si rifà ai valori di mercato.

Il capitolato e il modulo d’offerta sono da ritirare nella sede del Patriziato di Ascona (Casa Vacchini) in Piazza San Pietro 9 ad Ascona entro il 14 settembre prossimo; mentre le offerte dovranno pervenire in busta chiusa, con la dicitura "Concorso Prà di Vizi" entro il 27 ottobre alle 17.

L’area artigianale a ridosso della semi autostrada, e a lato di un quartiere che negli ultimi decenni si è sviluppato con la costruzione di diverse palazzine residenziali, ha alle spalle un lungo percorso. L’idea di assegnare tale scopo alla striscia di terreno era nata, dal punto di vista pianificatorio, per cercare di spostare attività lavorative dalla zona di Boscioredo, che a sua volta ha assunto uno scopo residenziale preponderante. In seguito il Comune di Ascona, proprietario di parte dei terreni, aveva proposto la realizzazione di un centro per il riciclaggio dei rifiuti: dapprima con Losone, poi in solitaria. Oggi tale Centro è operativo, in una struttura architettonica tanto originale quanto funzionale.

Per la parte restante del sedime, quella di proprietà del Patriziato, le Ferrovie autolinee regionali ticinesi (Fart) avevano ipotizzato la costruzione di un’officina-posteggio. Nuovi spazi necessari in vista del potenziamento del trasporto pubblico nella regione. «Trattandosi di un’azienda che offre un servizio pubblico, il nostro Patriziato ha ottenuto dagli uffici competenti il permesso per trattative dirette», spiega la presidente Rachele Allidi. Ma il progetto si è scontrato con l’insormontabile ostacolo dei ricorsi e quindi è stato messo da parte. Ora, per il Patriziato – come conferma la stessa Allidi –, «si tratta di capire, tramite il concorso che è in pubblicazione in questo periodo, se ci sono dei potenziali interessati e per quale genere di attività. Va detto che al nostro ente ogni tanto giungono richieste per sedimi e spazi. Ma questo terreno ha una sua specificità, dettata dalle scelte di Piano regolatore, e quindi è da considerare diverso dalle altre nostre proprietà». Le offerte verranno aperte in seduta pubblica il 3 novembre prossimo, nella sede del Patriziato. Solo allora si saprà quale interesse ha suscitato la proposta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
3 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
7 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
7 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
7 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
15 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
15 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
16 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
16 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
17 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
18 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved