laRegione
19.08.22 - 16:07
Aggiornamento: 18:00

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini

cevio-consegnate-le-firme-per-i-due-referendum
LaRegione

E alla fine la palla passa ai cittadini e alle cittadine del capoluogo valmaggese. Sono infatti ampiamente riusciti i due referendum che si opponevano alla convenzione, stipulata fra Comune e Patriziato, per la costruzione delle Scuole elementari a Bignasco e alla vendita di un terreno, nel quartiere di Cevio, in zona "Piano" (acquistato tempo fa per alloggi a pigione moderata, destinazione quest’ultima rimasta disattesa).

A comunicarlo gli stessi referendisti che oggi pomeriggio alle 16 hanno consegnato, presso la Cancelleria comunale di Cevio, le sottoscrizioni raccolte. La doppia caccia alle firme, partita il 4 agosto scorso, nel giro di due settimane ha raccolto, ben al di là di ogni previsione, non solo gli "autografi" necessari, fissati a 120, ma il doppio di quanto richiesto. Dai dati divulgati, infatti, il primo referendum dal titolo "Sì a una nuova scuola, no al progetto presentato" avrebbe totalizzato 257 firme, mentre il secondo "Basta speculazioni, per una reale politica dell’alloggio" avrebbe riscosso 238 consensi.

Risultati questi ultimi che denotano un forte interesse da parte della popolazione nel volersi esprimere in prima persona riguardo a temi che da settimane (se non da anni) tengono banco nei dibattiti e nelle discussioni del paese di valle.

Ora che le firme sono state depositate in Cancelleria comunale tocca al Municipio verificarne la validità e poi stabilire la data della votazione popolare. Votazione che deciderà il destino dei due progetti.

Leggi anche:

A Cevio è doppio referendum

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
52 min
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 ora
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
2 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
2 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
2 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
3 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
3 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
3 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
4 ore
Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo
Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
4 ore
Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato
Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
© Regiopress, All rights reserved