laRegione
laR
 
14.08.22 - 07:50
Aggiornamento: 12:22

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 

a-locarno-movida-prolungata-gli-esercenti-e-un-primo-passo

Contenti sì, ma non troppo: si poteva fare di più. Così si potrebbe riassumere l’umore di ristoratori e baristi alla decisione, da parte del Municipio di Locarno, di spostare le lancette dello stop alla musica sessanta minuti più in là, dalle 23 a mezzanotte.

La modifica dell’ordinanza, datata 2006, che fa seguito all’interrogazione interpartitica sottoscritta da 10 consiglieri comunali dell’aprile scorso (e che vede come primi firmatari Simone Merlini e Beltrame), è entrata in vigore già dallo scorso 25 luglio e porta con sé due novità. La prima, già annunciata, è quella di prolungare di un’ora la possibilità per locali ed esercizi pubblici di riprodurre musica o di organizzare concerti dal vivo. La seconda è che tale provvedimento (sempre soggetto a un’autorizzazione da parte dell’esecutivo e della polizia) andrà a toccare tutta la stagione turistica della città che si affaccia sul Verbano. Da aprile fino ad ottobre e non più solo nei periodi a côté dei grandi eventi come il Moon and Stars oppure il Festival del Film. Questo dal lato legislativo. Ma dal lato pratico come è stata accolta tale notizia? ‘LaRegione’ ha voluto fare un giro negli esercizi pubblici per sapere l’opinione di chi, con cibo, bevande e intrattenimento, ci vive.

‘Se spegni la musica, spegni anche la gente’

A Locarno la movida si concentra prevalentemente in città vecchia (o cittadella) e la zona nei pressi del Castello Visconteo. La prima tappa del nostro "tour" inizia proprio vicino alla Rotonda, al Palacinema. Oltre che per le sale cinematografiche, alla sera il Palacinema è meta prediletta per chi cerca un po’ di svago. «Per noi questa decisione è sicuramente una bella notizia. Al cliente cerchiamo di dare dell’intrattenimento, curando l’accoglienza e il clima per tutto il tempo che resterà da noi – ci raccontano il sostituto gerente e il responsabile della zona ristorarne della struttura, commentando quanto deciso dall’esecutivo –. La musica gioca un ruolo importante perché attira le persone. Se spegni la musica, spegni anche la gente e la differenza fra il prima e il dopo è evidente: i tavoli si svuotano».

‘Il Comune deve essere chiaro e decidere cosa vuole fare della città’

Ci spostiamo di qualche passo, verso piazza Remo Rossi, dove si trova un altro locale molto in voga, il Bar Castello. Ci accolgono i due gestori: «È un primo passo. Ci fa piacere, però un’ora di tempo in più è ancora limitante. Molti clienti starebbero volentieri anche fino la una o le due di notte. Locarno è una città che vive grazie alla sua popolazione, ovviamente, ma anche grazie ai turisti che vengono da fuori e che magari abitano in zone dove la cosiddetta ‘serata’ inizia alle 23/24 e tira avanti per un bel po’».

Il tema della durata del coprifuoco resta un punto dibattuto da diversi bar e ristoranti, che avrebbero preferito andar oltre lo scoccare della mezzanotte. Tema di "dibattito" anche il discorso della cosiddetta "musica di sottofondo", dicitura questa considerata poco chiara come afferma la gerente del bar Fashion 2shè, proprio in prima battuta: «Questo aspetto confonde. La musica suonata dal vivo può essere considerata "di sottofondo"? Fino a quanti decibel è considerata ancora accettabile o troppo forte? C’è differenza di suono se riprodotta qui oppure in città vecchia, con tutte le case storiche e le vie più strette? Sono domande che si pongono in diversi e per questo credo che il Municipio debba parlare chiaro –, ci dice la donna, che continua –. È un buon inizio, ma non è ancora abbastanza. Il Comune deve essere presente e decidere cosa voler fare di questa città. Vogliamo essere attrattivi per i turisti o per i residenti in cerca di pace e quiete? Questa mezza misura inizia a essere un po’ stretta. L’ordinanza prende in considerazione i mesi che vanno da aprile a ottobre? Okay, ma d’inverno che facciamo? Cosa offriamo alla gente del posto?».

‘Vorremmo tornare alla Locarno di una volta’

Ultima tappa del nostro giro di opinioni, è alle porte di un bar poco più in là. Il proprietario non c’è ma un cameriere si ferma a parlare con noi. Non vuole comparire né tanto meno render noto il nome del locale però si lascia andare a una confessione: «Non so dare un’opinione netta in merito a quanto deciso dal Municipio. Una cosa però posso dirla: Locarno è cambiata tanto. Non è più come una volta. È diventata meno tollerante nei confronti nostri e del divertimento e pian piano si sta spegnendo. Anche con tutti i grandi eventi estivi, come ad esempio il Pardo. Quando il film finisce dove vai? Trovi tutto chiuso o, se ti va bene, aperto ma senza musica né nulla. Se questa ora in più può essere utile ad accendere la città, ben venga».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
4 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
4 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
4 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
6 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
6 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
6 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
6 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Luganese
7 ore
PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano
Quindici Patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Grigioni
7 ore
Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti
L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
© Regiopress, All rights reserved