laRegione
laR
 
12.08.22 - 08:32
Aggiornamento: 19:37

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno

con-quella-circolare-volevamo-informare
Ti-Press

Che quella doppia caccia alle firme, per dare la possibilità alla cittadinanza di esprimersi sulla vendita di un terreno a Cevio e sulla costruzione – da parte del Patriziato – di una nuova scuola elementare a Bignasco avrebbe fatto scorrere fiumi d’inchiostro tra favorevoli, contrari e carta stampata, era più che immaginabile. Un po’ meno che da quelle, all’apparenza semplici petizioni, sarebbe nato un dibattito sulla comunicazione fra enti, iniziativisti e popolazione.

A suscitare una reazione non solo il testo di accompagnamento alla raccolta firme e la presa di posizione di alcuni singoli promotori del possibile referendum, ma anche la scelta del Municipio di "anticipare i tempi", pubblicando e poi distribuendo a tutti gli abitanti di Cevio un volantino di "invito a riflettere sulle conseguenze che il Comune avrebbe avuto qualora i due referendum passassero".

Per tali ragioni, la sindaca di Cevio Moira Medici ha deciso di prendere posizione a nome dell’esecutivo riguardo alla doppia raccolta firme e rispondere in merito alle scelte comunicative adottate dall’organo che rappresenta.

Dopo la prima presa di posizione inviata a tutti i fuochi del Comune avete deciso, come esecutivo, di pubblicare anche un comunicato stampa. Perché?

Abbiamo deciso di prendere nuovamente posizione perché riteniamo sia doveroso far chiarezza e sgomberare il campo da alcune argomentazioni e informazioni fuorvianti, che negli ultimi giorni hanno iniziato a circolare riguardo ai due referendum e a come gli iniziativisti li hanno presentati alla popolazione.

Quali punti espressi nel foglio di raccolta firme per la scuola considerate come ‘fuorvianti’?

Per quanto riguarda la costruzione della scuola, non esiste l’obbligo che impone al Comune di edificare da sé la propria sede scolastica o il divieto che proibisce al Patriziato di rispondere a questa necessità della collettività. Non esiste un progetto per una scuola a Cavergno e sul fondo comunale a cui fanno riferimento i referendisti non è oggi possibile costruire una scuola. Si dice poi che il progetto non è stato mai mostrato, ciò è però falso. I suoi contenuti sono ben descritti dallo studio di fattibilità elaborato dal Patriziato di Bignasco e presentato, unitamente al Municipio, a tutti i consiglieri comunali lo scorso 27 aprile. Riguardo alla distanza con la palestra e il traffico che genererebbe la scuola rispondiamo nel primo caso che già oggi i ragazzi si spostano per fare attività fisica da Bignasco a Cavergno (utilizzano la palestra di Cavergno anche gli allievi della Lavizzara) e per il secondo che questo tema si proporrà ovunque dovesse sorgere la scuola, ma non deve essere la preoccupazione con cui affossare il progetto. Il Municipio si impegnerà a ottimizzare i trasporti sensibilizzando i genitori e a modulare il traffico con la necessaria segnaletica, garantendo attenzione agli abitanti della zona residenziale che accoglierà la scuola. Sorvoliamo poi sulle velate accuse al Patriziato di voler ricavare da questa collaborazione fra enti un proprio tornaconto.

Per quanto concerne la vendita del terreno a Cevio invece?

Nel loro testo i referendisti affermano che il prezzo di vendita è irrisorio e il Comune avrà solo una perdita finanziaria. In realtà la cifra di 250 franchi al metro quadrato è in linea con le altre transazioni a Cevio, non è quindi corretto paragonarlo a un unico caso che vede un’operazione immobiliare ben riuscita nel quartiere di Bignasco. Il Comune incasserà un prezzo lordo di compravendita di 750mila franchi ma questa operazione comporterà un investimento privato di ben 8 milioni. La mancata vendita rischia il "dezonamento" del terreno e una perdita del Comune di circa 1 milione. E proprio perché non si vuole vendere al massimo del prezzo, questa operazione non implica alcuna speculazione: un prezzo adeguato, per una costruzione a un prezzo accessibile, che attiri sul territorio nuove famiglie, obiettivo del Municipio.

La prima circolare da voi mandata ha fatto discutere, perché molti l’hanno vista come un atto d’insicurezza, altri come un invito velato a non firmare il referendum. Credete di aver fatto un passo falso?

No, assolutamente. Il nostro intento era quello di informare la popolazione. Lo abbiamo chiaramente scritto: "Il referendum è un diritto democratico, non è il punto che mettiamo in discussione, quanto le conseguenze che potrebbero riversarsi sul Comune se i due referendum dovessero avere esito positivo".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
1 ora
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
8 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
8 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
10 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
10 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
11 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
11 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
12 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
15 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved