laRegione
10.08.22 - 18:20
Aggiornamento: 18:36

Locarno, stop alla musica a mezzanotte

In risposta a un’interrogazione il Municipio concede un’ora in più alle manifestazioni sonore negli esercizi pubblici tra aprile e ottobre

locarno-stop-alla-musica-a-mezzanotte

Ristoranti e bar, stop musica di sottofondo alle 24 (e non più alle 23). Lo ha deciso il Municipio di Locarno, rispondendo in pratica all’interrogazione interpartitica sottoscritta da 10 consiglieri comunali dell’aprile scorso (primi firmatari Simone Merlini e Beltrame). Come anticipato da ‘Radio Ticino’, la modifica dell’ordinanza (risalente al 2006) con le nuove regole è entrata in vigore già lo scorso 25 luglio. Città a vocazione turistica, Locarno potrà dunque mettere a disposizione un’ora in più di divertimento sonoro, posticipando di fatto il coprifuoco sulla movida di sessanta minuti.

Il provvedimento riguarda comunque solo i concerti e le attività all’aperto durante il periodo che va da aprile a ottobre. E, in ogni caso, le richieste da parte dei promotori/esercenti saranno naturalmente ancora soggette a un’autorizzazione da parte di Municipio e Polizia, ha ricordato il sindaco Alain Scherrer ai microfoni dell’emittente. Non cambia invece di una virgola il problema del rumore molesto notturno, con canti e schiamazzi in vicinanza o all’interno dell’abitato che non saranno tollerati dopo le 23. Così come quello dei decibel da rispettare.

Si cerca insomma di agevolare l’organizzazione di eventi musicali senza che la quiete dei cittadini ne risulti perturbata. La speranza dell’autorità è che anche altri Comuni ticinesi seguano l’esempio. Per i turisti e coloro che affollano la città in cerca di divertimento notturno, la decisione di allentare la stretta negli intrattenimenti musicali sicuramente costituisce una buona notizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
24 sec
Truffa sulle tessere bancomat, due arresti a Brogeda
Il raggiro in due fasi: prima l’appropriazione indebita delle tessere, poi l’inganno per carpire il Pin ed eseguire prelievi di denaro illegalmente
Bellinzonese
4 ore
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
5 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
8 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
8 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
8 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
14 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
16 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
17 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
18 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
© Regiopress, All rights reserved