laRegione
07.08.22 - 10:31
Aggiornamento: 14:38

Hotel Arcadia, la Sinistra vuole vederci chiaro

Interrogazione al Municipio di Locarno sul clima di lavoro e le tensioni all’interno della nota struttura ricettiva

hotel-arcadia-la-sinistra-vuole-vederci-chiaro

"Hotel Arcadia, paradiso o inferno"? La domanda giunge sul tavolo del Municipio di Locarno da parte della Sinistra che, tramite un’interrogazione (primo firmatario il consigliere Francesco Albi) intende vederci più chiaro sul clima di lavoro regnante all’interno della struttura alberghiera, alla luce anche delle recenti segnalazioni riportate da laRegione. Nel servizio giornalistico sono venute alla luce situazioni parecchio delicate, confermate dal sindacato Unia, che hanno portato 7-8 persone a situazioni di conclamato ‘burnout’ e addirittura a un tentato suicidio. L’articolo racconta di ripetute espressioni di razzismo, pressioni circa i tempi di lavoro, licenziamenti durante il periodo di malattia o ad audit in corso. Va detto che la società proprietaria dell’Hotel Arcadia, la catena H4 Hotels con sede a Berlino, ha accettato di avviare la procedura di audit da parte dell’Ispettorato del lavoro, anche se poi questa sarebbe stata ostacolata dal general manager Nunzio Destro che, da parte sua, nega ogni accusa. Ad aggravare la situazione di quello che secondo la mitologia classica dovrebbe essere un paradiso in terra ma che sembra delinearsi sempre di più come un inferno, ci sarebbero anche licenziamenti di persone vicine ai sindacati e minacce ai sindacalisti impegnati a tutela dei dipendenti".

‘I dipendenti non sono giacimenti di materie prime da sfruttare fino a esaurimento’

Senza voler interferire con le procedure di verifica in atto, i consiglieri della Sinistra Unita si limitano a ricordare che "i lavoratori e le lavoratrici non sono giacimenti di materie prime da sfruttare finché esauriti. È evidente però che la pandemia ha esacerbato una crisi già presente nel settore alberghiero. Una crisi non dovuta al calo della domanda o ad altri fattori esterni ma al suo interno dato che il personale non è più disposto a tollerare condizioni di lavoro precarie e umilianti. Giova ricordare che la regione del Lago Maggiore e Valli genera, con i suoi posti di lavoro, il 34% del valore aggiunto lordo turistico cantonale, ovvero il 3,6% dell’intero PIL cantonale (fonte: L’impatto economico del turismo in Ticino, 2014)".

Alla luce di quanto sopra, all’esecutivo di Palazzo Marcacci i firmatari chiedono se la Città sia disposta a lanciare un messaggio di solidarietà con le lavoratrici e i lavoratori in difficoltà; se il Municipio intenda coinvolgere Hotelleriesuisse affinché sul territorio cittadino non si verifichino più situazioni incresciose come queste; infine in che modo può il Comune promuovere un turismo sostenibile sotto tutti i punti di vista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
4 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
4 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
5 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
7 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla Ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
8 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
8 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
10 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino in zona diga del Lucendro
Ticino
10 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
20 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved