laRegione
07.07.22 - 11:30
Aggiornamento: 16:56

Locarno, luce verde alla riorganizzazione del Debarcadero

Il Municipio ha detto sì alla richiesta di credito di 2 milioni per il riassetto del nodo stradale

locarno-luce-verde-alla-riorganizzazione-del-debarcadero
Amministrazione cantonale - Canton Ticino

Il Municipio ha licenziato il messaggio per la richiesta del credito di costruzione di 2’020’000 franchi, interamente sussidiato dal Cantone, concernente il riassetto del nodo stradale del Debarcadero. Continuano così i lavori di adattamento dell’asse viario che attraversa il centro urbano, dopo le prime due tappe che hanno interessato via Luini e il Lungolago Motta, con l’obiettivo di aumentare la fruibilità e la sicurezza per la mobilità lenta e per il trasporto pubblico. Inoltre la nuova fermata bus a monte dell’incrocio, che sostituirà quella provvisoria attualmente ubicata a valle, porterà delle modifiche sostanziali al nodo semaforico, migliorando la circolazione generale del nodo stesso.

La nuova sistemazione dell’incrocio del Debarcadero fa parte delle misure del Programma d’agglomerato che hanno una valenza regionale. In tal senso, il Gran Consiglio ha già stanziato il relativo credito, mentre l’esecuzione è stata assegnata in delega alla Città, in modo da permettere una migliore integrazione con gli altri progetti che hanno interessato questo comparto negli ultimi due anni.

L’intervento oggetto della richiesta di anticipo di credito – che sarà poi interamente rimborsato dal Cantone – appena firmata dal Municipio interessa, oltre al nodo del Debarcadero, il Lungolago e il viale Balli fino al confine con Muralto. Oltre a migliorare gli spazi e i percorsi dedicati agli spostamenti di pedoni e ciclisti, il progetto comprende la formazione delle nuove fermate bus, attualmente organizzate in modo provvisorio e quindi non ottimali per posizione e funzionalità, come pure una nuova regolazione dei semafori.

Il Capodicastero dello sviluppo economico e territoriale Nicola Pini: "Abbiamo ritenuto corretto assumere in delega dal Cantone il compito di portare a buon fine questo progetto, considerata la sua importanza nella gestione di un punto nevralgico del sistema viario cittadino. Il nostro obiettivo è quello di offrire a tutti i fruitori di quest’area le migliori condizioni di mobilità, potenziando la sicurezza e migliorando la funzionalità del sistema. Nel contempo, viene dato un valore aggiunto a questi spazi densamente trafficati".

L’opera in questione è direttamente connessa anche con il comparto costituito dagli spazi pubblici del centro urbano, il cui credito per il progetto di riqualifica verrà discusso dal Consiglio comunale, a conferma degli sforzi intrapresi dalla Città per migliorare la qualità del centro cittadino a beneficio di tutta la popolazione e dei molti ospiti. Dopo l’approvazione del credito, si procederà alla pubblicazione del progetto stradale e all’avvio dei concorsi d’appalto per le relative opere costruttive. I lavori dovrebbero quindi poter prendere avvio nel tardo autunno e concludersi entro la Pasqua del 2023.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
5 min
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
5 min
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
5 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
8 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
9 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
9 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
10 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
10 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
11 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
13 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
© Regiopress, All rights reserved