laRegione
29.06.22 - 18:58
Aggiornamento: 30.06.22 - 15:11

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano

piazza-remo-rossi-che-fine-ha-fatto-la-visione-d-insieme

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme? Se lo chiede e soprattutto lo chiede al Municipio di Locarno la sezione locarnese del Partito Socialista attraverso un’interrogazione che vede quale primo firmatario Francesco Albi. Il Gruppo Sinistra Unita, guardando alla progettazione degli spazi del centro urbano, mette la lente sul progetto di "riqualifica dell’area verde del PalaCinema" elaborata da JardinSuisse Ticino in occasione del suo 90° anniversario, "atta a creare un punto d’incontro per i giovani in mezzo alla natura... in centro città" e presentato alla cittadinanza il 20 giugno, ossia a soli sei giorni dalla data d’inizio dei lavori.

"Premesso che i e le sottoscriventi salutano favorevolmente l’iniziativa di realizzare, o per meglio dire sistemare, un punto di socializzazione per giovani in centro città e che lo si voglia fare tramite la valorizzazione del verde urbano – si legge nell’interrogazione –, non possiamo tuttavia sottacere alcune palesi incongruenze che l’area scelta per questa operazione solleva. Infatti il luogo oggetto di questa riqualifica è incluso nel perimetro del progetto "La Nouvelle Belle Époque" per la sistemazione degli spazi pubblici del centro urbano di Locarno, per il quale lo stanziamento di un credito di progettazione definitiva è attualmente al vaglio delle commissioni del Cc". I socialisti locarnesi fanno notare come "esiste quindi già una visione condivisa dal Municipio di come la piazza dovrebbe diventare in futuro, piantare alberi e rifare la pavimentazione precluderebbe, almeno in parte, la realizzazione del progetto vincitore" e che "Piazza Remo Rossi si situa all’interno del perimetro di rispetto del Castello Visconteo, bene culturale d’interesse cantonale", per cui "qualsiasi intervento che supera la manutenzione ordinaria deve quindi essere sottoposto all’Ubc (Ufficio dei beni culturali, ndr) per autorizzazione".

Alla luce di quanto sopra esposto, il Gruppo Sinistra Unita chiede all’Esevutivo locarnese: È stato consultato il team di progettazione degli spazi pubblici del centro urbano, il cui credito di progettazione è stato sottoposto al Cc (Mm 31)? Anche considerando gli attuali interventi quali transitori, non si dovrebbe richiedere almeno il parere dei progettisti incaricati per valutare eventuali sinergie di progetto? Come intende gestire il Municipio la realizzazione delle opere relative al progetto "La Nouvelle Belle Époque"? Dato che l’area in questione rientra nel perimetro di rispetto del Castello Visconteo e che le opere previste, descritte nel comunicato quale "progetto di riqualifica", sembrano superare evidentemente la manutenzione ordinaria, il Municipio si è impegnato a sottoporre il progetto all’Ufficio dei beni culturali per approvazione? Per quale ragione il Municipio non ha ritenuto di dover informare la propria popolazione, così come il Cc, sui contenuti del progetto di riqualifica tramite una procedura trasparente, ad esempio con una domanda di costruzione? Come si intende gestire la pulizia e la manutenzione dell’area, intensivamente utilizzata dai giovani nelle serate dei fine settimana, con il nuovo concetto di sedute con blocchi di granito?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
3 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
4 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
5 ore
Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni
Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
gallery
Mendrisiotto
5 ore
Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso
L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
5 ore
Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave
L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Ticino
6 ore
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
7 ore
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
9 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
11 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
12 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
© Regiopress, All rights reserved