laRegione
13.06.22 - 15:50
Aggiornamento: 17:22

Losone, ridimensionato il progetto di via Locarno

Lavori per oltre tre milioni di franchi. Il cantiere dovrebbe iniziare nel 2024 (o nel 2025)

losone-ridimensionato-il-progetto-di-via-locarno
Ti-Press
La porta d’ingresso

L’esproprio di un terreno di 240 metri quadrati (per una spesa totale di 150mila franchi a carico del Comune) all’incrocio della Patrizietta. Il tema sarà discusso dal Consiglio comunale convocato lunedì 20 giugno. Il Municipio (presenti il sindaco Ivan Catarin e Daniele Pinoja) ha incontrato i giornalisti per spiegare i temi della seduta di legislativo.

Per quanto riguarda l’esproprio – ha affermato Pinoja –, si tratta di un sedime già utilizzato da decenni come marciapiede e strada. Ora i proprietari (una Ppp) hanno chiesto al Comune di comprarlo. «Un caso classico – ha affermato il municipale –. Ci sono tanti altri piccoli appezzamenti di privati che negli anni sono stati usati per strade e progetti di viabilità. Se i proprietari chiedono di regolare la questione, di solito proponiamo o una cessione gratuita all’ente pubblico mantenendo intatti gli indici di sfruttamento, o una vendita a un prezzo di mercato. Negli anni Ottanta molte situazioni erano state sistemate, altre sono però tuttora in sospeso».

I futuri lavori di via Locarno (previsti da anni e condotti dal Cantone) comporteranno diverse espropriazioni. A che punto stanno le cose? «Il progetto è in pubblicazione – ha risposto Pinoja –. Il progetto però è stato ridimensionato, proprio per le difficoltà legate ad alcune espropriazioni, in particolare di aree adibite a posteggi per alcuni caseggiati». In sostanza, scendendo dalla rotonda di via Mezzana verso Ponte Maggia, saranno realizzati sui lati marciapiedi alberati (quello sulla sinistra anche a uso pista ciclabile); al centro il sedime stradale a due corsie di marcia, affiancato sulla destra da un corsia riservata ai bus, che fungerà pure da ciclopista. L’investimento ammonta a oltre tre milioni di franchi, che saranno coperti anche con sussidi federali e crediti PaLoc. L’inizio dei lavori è previsto nel 2024 o nel 2025.

È invece dietro l’angolo il cantiere per sistemare le fermate bus, con nicchia riservata, ai due lati di via Locarno, all’altezza di Ponte Maggia. Il primo colpo di pala è fissato al termine delle prossime vacanze dell’edilizia, in agosto.

«Nello stesso periodo – ha preannunciato il sindaco – partiranno anche gli scavi per la nuova casa comunale, con centro civico. Attualmente gli operai stanno smantellando i prefabbricati. Poi arriveranno gli escavatori. I costi per queste prime opere, già deliberate, sono addirittura più bassi del preventivo. Anche le opere di capomastro, per le quali già sono rientrate le offerte, sono in linea con il credito che ci ha concesso il Consiglio comunale».

Conti 2021, un leggero utile

Catarin ha pure presentato ai rappresentanti dei media i conti consuntivi 2021, che chiudono con un leggero utile (227mila franchi): 25,9 milioni alle uscite e 26,1 milioni alle entrate. Un risultato giudicato positivo dalle autorità, anche perché l’anno passato è stato contrassegnato dalla pandemia di Covid-19: «Le maggiori spese sostenute dal Comune ammontano a 250mila franchi – ha ricordato il sindaco –. I buoni che gli abitanti potevano acquistare, come incentivo all’economia locale, ci sono costati circa 240mila franchi. Hanno generato un movimento di 800mila franchi».

Il paventato aumento dei tassi d’interesse sui prestiti bancari vi preoccupa? «Recentemente siamo riusciti a bloccare alcuni prestiti (per un totale di otto milioni di franchi) a tassi ancora sotto l’uno per cento. Per i rinnovi futuri dovremo valutare attentamente le offerte, con diverse scadenze. Va detto, comunque, che il debito pubblico di Losone è nella media cantonale, attestandosi sui 2’940 franchi pro capite. Per il periodo 2022-2026 abbiamo previsto circa 34 milioni di franchi di investimenti, ma non so la cifra sarà poi confermata nei fatti. La priorità, ovviamente, va alla futura casa comunale, con autosilo, piazza e sistemazione dell’intera superficie, che acquisirà la funzione di zona d’incontro e di aggregazione». Per il moltiplicatore d’imposta, il Municipio propone di mantenerlo al 90 per cento, stabile anche per i prossimi anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
1 ora
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
1 ora
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
2 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
2 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
2 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
6 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
7 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
8 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
9 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
© Regiopress, All rights reserved