laRegione
10.06.22 - 17:33
Aggiornamento: 12.06.22 - 16:51

L’aula nel bosco: sì ma non a scapito della discarica del verde

La proposta del Municipio di Terre di Pedemonte di realizzare uno spazio didattico nella natura piace, ma le commissioni ‘difendono’ il punto di raccolta

l-aula-nel-bosco-si-ma-non-a-scapito-della-discarica-del-verde

L’aula nel bosco? Sì ma a condizione che non comporti l’eliminazione della discarica del verde, tanto utile e apprezzata dall’utenza di Tegna. Di questo avviso è la minoranza della Commissione della gestione di Terre di Pedemonte, nel suo rapporto. Sul tavolo, lunedì, i consiglieri comunali troveranno una richiesta di credito di 160mila franchi da destinare alla valorizzazione boschiva e alla creazione di un’aula nel bosco in territorio di Tegna. Discussione in sala già lanciata, dunque, proprio per la presenza di due rapporti e di diverse firme con riserva. I redattori del rapporto di minoranza invitano colleghi e Municipio a scindere i contenuti di questo pacchetto d’invertenti, che possono essere realizzati in maniera indipendente l’uno dall’altro. Pur sostenendo il contenuto della proposta, essi non condividono la dismissione dell’area di deposito del verde di Tegna. L’alternativa offerta ai residenti nella frazione sarebbe quella di far capo alla deponia di Cavigliano, ritenuta fuori mano e difficile da raggiungere nella stagione fredda per via del fondo stradale in pessimo stato. Non da ultimo una simile soluzione finirebbe col generare traffico e inquinamento nella campagna. Secondo gli interessati, l’attuale servizio di raccolta porta a porta del verde non è in grado di sostituirsi integralmente allo sgombero individuale, soprattutto nei mesi estivi. "Il prezzo della vignetta per i bidoni della raccolta, oltrettutto, non copre che in minima parte il costo generato in termini d’impiego degli addetti della squadra comunale, onde per cui non si comprende perché il Municipio voglia ‘forzare’ i cittadini a ricorrere a un servizio fortemente deficitario" – sottolineano. Da queste osservazioni parte la richiesta d’individuare, all’interno del bosco di Tegna, uno spazio alternativo nel quale edificare l’aula nel bosco, in modo da preservare l’attuale punto di raccolta degli scarti da giardino. Oppure di scovare un’ulteriore sede per quest’ultimo servizio.
Di parere opposto i firmatari del rapporto di maggioranza (un commissario ha comunque firmato con riserva, ndr), secondo i quali la soluzione proposta dal Municipio consente di sanare una situazione di non conformità dell’attuale discarica. Sostegno (ma con più di una riserva, stavolta) anche dalla Commissione delle opere pubbliche, che pure caldeggia il mantenimento di un punto di raccolta del verde a favore degli abitanti della frazione tegnese. La stessa chiede, infine, all’esecutivo se il Patriziato di Tegna, proprietario dei fondi, sia stato interpellato al riguardo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
1 ora
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
4 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
4 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
4 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
4 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
11 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
11 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
12 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
13 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
© Regiopress, All rights reserved