laRegione
31.05.22 - 14:40
Aggiornamento: 15:48

Valle Bavona, un mese all’insegna delle attività all’aperto

Dal corso per imparare a usare la ‘ranza’ alla gita letteraria sulle orme di Plinio Martini, tutte le proposte della Fondazione omonima per giugno

valle-bavona-un-mese-all-insegna-delle-attivita-all-aperto
Ti-Press
Una splendida valle, carica di storia e tradizioni

Il mese di giugno, con i suoi colori e le sue lunghe giornate, è perfetto per organizzare momenti speciali all’aperto, come ad esempio nella splendida Valle Bavona. L’omonima Fondazione invita quindi tutti ad approfittare di tre appuntamenti molto particolari. Sabato 4 giugno si terrà un corso per apprendere l’uso del falcione (ranza), attrezzo silenzioso che per secoli ha permesso alle popolazioni rurali di procurarsi il fieno per nutrire i propri animali. Il corso è condotto da Ermanno Blättler e Tiziano Maddalena. Non è necessario possedere l’attrezzatura; per chi invece avesse un falcione in solaio potrebbe essere l’occasione di rimetterlo in funzione. La giornata si svolgerà a Mondada dalle 9 alle 16; è necessaria l’iscrizione. Sempre sabato 4 giugno, alle 17, nella Terra di Sabbione viene offerto lo spettacolo per avvicinare il pubblico al paesaggio rurale tradizionale dal titolo "La valle sulle spalle", di e con Francesco Mariotta e Patrizia Caviezel. Il racconto in musica porta nonno Fermo a emigrare Oltreoceano, con il cuore pieno di nostalgia e il sogno di tornare nella sua terra, tra splüi, prati pensili, scoiattoli e ramarri. Lo spettacolo è adatto a tutti, si consiglia l’iscrizione perché in caso di cattivo tempo si svolgerà presso la Sala multiuso di Cavergno, con posti limitati e consigliata la prenotazione a fondazione@bavona.ch.

Sabato 11 giugno, lungo il sentiero della transumanza da Sonlerto a Sabbione, avrà luogo la tradizionale gita letteraria, sulle orme di Plinio Martini. Bruno Donati e Matteo Ferrari arricchiranno il percorso tramite aneddoti, informazioni e letture tratte da brani dell’autore di Cavergno. Plinio Marini, oltre ai suoi due romanzi "Il fondo del sacco" e "Requiem per zia Domenica", ha scritto saggi e articoli in cui la Valle Bavona era protagonista assoluta. Informazioni e iscrizioni sono ottenibili rivolgendosi al segretariato della Fondazione (091 754 25 50) oppure sul sito www.bavona.ch, o all’indirizzo e-mail fondazione@bavona.ch.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 min
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
1 ora
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
4 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
4 ore
Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’
Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Ticino
11 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
11 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
13 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
13 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
13 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
15 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
© Regiopress, All rights reserved