laRegione
20.05.22 - 23:48
Aggiornamento: 21.05.22 - 12:04

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo

botte-in-stazione-commozione-cerebrale-per-un-18enne
Ti-Press
Ennesimo episodio di violenza

Ancora pugni. Ancora nel Locarnese. Questa volta il teatro della scazzottata fra più giovani è stata la stazione ferroviaria di Muralto. Attorno alle 17 di questo venerdì, così ci è stato segnalato, un gruppetto di giovani ne avrebbe aggrediti altri tre senza motivo. La polizia e un’ambulanza sono intervenute sul posto e il giovane preso di mira è stato portato all’ospedale: «È uscito con un taglio sulla fronte, escoriazioni sulle braccia e una commozione cerebrale», racconta la sorella del 18enne domiciliato nel Sottoceneri. «In serata mi ha chiamato chiedendo di aiutarlo. Nessuno, nonostante lo abbia chiesto, gli ha dato soccorso. Io ho telefonato a nostra mamma e lei ha allertato la polizia», ha ancora raccontato a laRegione con rabbia e tristezza nella voce. «Erano in quattro e se la sono presa con tre persone: erano in cerca di "scazzi"», aggiunge la sorella, che ha quindi sottolineato che il fratello e i due compagni non conoscevano affatto i quattro facinorosi, che con pretesti futili hanno attaccato briga e quindi aggredito il trio di amici. Domani, conclude la nostra interlocutrice, il 18enne andrà a sporgere denuncia.

Il servizio stampa della Polizia cantonale ha confermato il parapiglia, ma è rimasto sul vago dichiarando che la dinamica era ancora al vaglio. Sul posto, ha quindi informato, oltre alla PolCan, sono intervenute anche la Comunale e la Ferroviaria.

Quello di stasera è l’ennesimo alterco a pochi giorni dall’aggressione ai danni di uno studente durante la festa di fine anno del Liceo cantonale di Locarno, Liloball, per mano di un gruppo di facinorosi esterno all’istituto. La penultima in ordine di tempo: fra la fine del 2021 (si ricorderà l’aggressione a un altro diciottenne a inizio dicembre nell’area della Rotonda) e la prima metà del 2022, i mesi trascorsi sono stati contrassegnati da più episodi i cui protagonisti menano le mani, spesso per futili motivi.

Leggi anche:

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 min
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
4 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
9 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
19 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
19 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
20 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
21 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
21 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
23 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
23 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
© Regiopress, All rights reserved