laRegione
laR
 
17.05.22 - 11:56
Aggiornamento: 16:12

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio

aurigeno-una-chiazza-viva-ricettacolo-di-storia-e-tradizioni
Patriziato di Aurigeno
Il comparto Chiazza
+6

È un atto d’amore per la memoria; per la storia con le sue tradizioni che è radice del presente. Un atto d’amore per il futuro. Fra il 2016 e il 2020, il Patriziato di Aurigeno ha promosso l’intervento di recupero del poggio Chiazza di Aurigeno, che si estende sopra la frazione di Terra di Fuori. Il progetto di valorizzazione naturalistica, paesaggistica, agricola e culturale è costato attorno ai 600mila franchi; coperti principalmente da enti e istituzioni pubbliche, ma anche grazie a fondazioni private. Il progetto è stato curato dall’ingegnere forestale Nello Garzoli, con la consulenza dello storico Flavio Zappa. La Chiazza è composta da un bel nucleo rurale curato con pascoli, vigneti e frutteti. «È un nome antico, dei vecchi tempi. Nel dialetto locale significa mestolo. La conformazione dell’area richiama infatti la forma dell’utensile», ha chiarito Davide Andreocchi, presidente del Patriziato di Aurigeno. Il passato spesso è ricordato, custodito, da toponimi dialettali: un patrimonio lessicale specchio di un microcosmo e della sua storia, che andrebbe altrimenti perso.

Alla Chiazza sono stati apportati numerosi interventi per «non perderla. Agricoltura e allevamento sono attività che vanno sempre più scomparendo con la conseguente avanzata del bosco. Si è quindi voluto ridare valore alla zona e portare avanti alcune attività, come la vigna che è tuttora lavorata. Un’azienda agricola della zona, inoltre, porta per qualche giorno all’anno capre e asini», ha sottolineato Andreocchi. Gli scopi sono molteplici, fra cui «mantenere ordine – affinché la vegetazione non inghiotta l’area, ndr – e far sì che la Chiazza viva».

Dell’area sita a 430 m s.l.m., le aziende agricole con allevamenti di capre e mucche vi usufruivano già dagli inizi del XX secolo. Tuttavia col passare degli anni e soprattutto complici i cambiamenti socioeconomici, la Chiazza (così come altre aree simili) è stata lasciata. L’abbandono progressivo ha portato all’inselvatichimento dell’area, anche se la manutenzione di pascoli, vigneti e costruzioni non è mai venuta meno. Gli interventi apportati sono diversi: valorizzazione della selva per recuperare aree di pascolo, potenziamento dei frutteti – come le selve castanili –, ripristino dei muri a secco e dei vigneti estensivi, consolidamento del ponte "romano", restauro di un rifugio per animali, sistemazione di nove pozzi adibiti in passato alla macerazione della canapa. La valorizzazione ha previsto altresì la messa in opera di un sentiero didattico circolare. Lungo i tre chilometri si possono approfondire aspetti naturalistici e antropici (relativi all’essere umano): un’esperienza fra natura e tradizioni. L’escursione ad anello di circa un’oretta e mezza si percorre bene a piedi ed è adatta anche ai bambini (non a carrozzine). Una volta raggiunto il poggio, vi è anche la possibilità di fare picnic, essendoci tavolo e panche in legno di castagno.

L’occasione di volgere lo sguardo a questa particolare area ci è data dalla sua prossima inaugurazione domenica 22 maggio, con ritrovo al posteggio adiacente alla chiesa, alle 15. La passeggiata si snoderà su sentieri boschivi ed escursionistici, sono consigliate scarpe comode. Giunti al rifugio, si svolgerà la parte ufficiale della manifestazione con l’intervento di alcune personalità in qualità di portavoce degli enti che hanno partecipato al finanziamento e hanno promosso l’azione di valorizzazione. L’ufficialità sarà chiusa da un rinfresco. Se dovesse essere un tempo piovoso, la data alternativa è il 29 maggio.

Info: www.patriziatoaurigeno.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
26 min
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
1 ora
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’Esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
1 ora
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
1 ora
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
6 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
7 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
10 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
10 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
13 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
13 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
© Regiopress, All rights reserved