laRegione
10.05.22 - 12:36
Aggiornamento: 16:00

Vallemaggia, ‘con il lupo, una convivenza problematica’

L’Ascovam invia la sua presa di posizione circa la ‘situazione allarmante’ al Consiglio di Stato e a Claudio Zali e chiede soluzioni al più presto

vallemaggia-con-il-lupo-una-convivenza-problematica
Ascovam
Gregge a Cerentino

"Intraprendere tutte le misure necessarie per risolvere una situazione che ha ormai raggiunto livelli allarmanti". È l’esortazione che l’Associazione dei Comuni Valmaggesi (Ascovam) ha espresso in una presa di posizione – "Lupo: situazione allarmante" – circa il tema del lupo in valle, indirizzata al Consiglio di Stato e al suo presidente Claudio Zali, nonché direttore del Dipartimento del territorio. Il Consiglio direttivo dell’associazione consegna alla pagina scritta tutta la sua "preoccupazione per l’accaduto e solidarietà ai contadini che hanno subito le razzie", in seguito chiede al Governo di trovare immantinente una soluzione, perché "a causa della presenza del lupo, la popolazione locale vive in un clima di costante paura e insicurezza", ma anche perché in seguito alle recenti vicende in Valle Rovana, alcuni contadini starebbero valutando di "chiudere definitivamente l’attività". Un’eventualità, scrive l’Ascovam, che "avrebbe conseguenze nefaste sulla cura di un territorio già situato in zone discoste e difficilmente raggiungibili".

La presenza del lupo, continua l’associazione, avrebbe avuto quale risultato lo squilibrio di un "ecosistema che ha saputo evolvere sinora in maniera armonica"; l’arrivo del canide infatti "non poteva non entrare in conflitto con la cultura agropastorale", minacciando "le quotidiane fatiche dei contadini che hanno plasmato il nostro territorio che non solo rappresenta un’eredità da tutelare e gestire amorevolmente, ma anche la principale risorsa per uno sviluppo socioeconomico". L’abbandono dell’attività dei contadini, aggiungono gli autori, avrebbe come conseguenze ulteriori "la sparizione di alcuni eccellenti prodotti agricoli quale il formaggio Vallemaggia, la scomparsa di storici alpeggi e villaggi che punteggiano le valli superiori, che verrebbero inevitabilmente inghiottiti dall’avanzata del bosco". Ma non è tutto – continuano –, anche escursionisti e turisti potrebbero scegliere "altre destinazioni interrompendo vitali flussi economici". L’Ascovam paventa anche che "la popolazione, vivendo la presenza del lupo come una minaccia costante, potrebbe abbandonare la propria terra".

E quindi conclude mettendo nero su bianco che la difesa a oltranza del canide – sottolineano: promossa da persone ed enti distanti dalla realtà vallerana – "mal si concilia con i danni economici e morali subiti dagli allevatori e le sofferenze provocate al povero bestiame". Infine si ribadisce ancora l’invito per cui "il Consiglio di Stato ascolti le persone che subiscono direttamente gli attacchi del lupo; autorizzi l’abbattimento di questi esemplari divenuti oramai ingestibili; attivi dei canali di comunicazione efficaci in modo da facilitare l’implementazione di rapide soluzioni e contribuisca a sensibilizzare la popolazione sui reali problemi di convivenza con questo feroce predatore".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Si barrica in casa per una notte, la polizia interviene
Si è conclusa verso mezzogiorno l’operazione di polizia, scattata in via delle Aie nel quartiere luganese di Molino Nuovo a seguito di una segnalazione
Ticino
3 ore
Una ticinese, prima donna, eletta giudice del Tribunale federale
La professoressa dell’Usi Federica De Rossa è stata nominata a Berna dalle Camere federali riunite con 212 voti su 217 schede valide
Video
Ticino
3 ore
Un meno 40% alle pensioni che non va proprio giù
Entra nel vivo in mattinata la giornata indetta al fine di protestare contro il taglio delle rendite dei dipendenti statali e parastatali
Ticino
4 ore
79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023
Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni
Mendrisiotto
7 ore
Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino
L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
7 ore
Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità
Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30 km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Ticino
8 ore
Orari, si va verso negozi più aperti
Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
10 ore
Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’
Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
10 ore
‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’
Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
16 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
© Regiopress, All rights reserved