laRegione
08.05.22 - 15:43
Aggiornamento: 16:27

‘Equilibrio tra contesto domestico e funzione pubblica’

Inaugurata a Losone la nuova residenza medicalizzata per anziani. Lodate la collaborazione fra enti, la struttura e la posizione centrale

equilibrio-tra-contesto-domestico-e-funzione-pubblica
Samuel Golay/Ti-Press
Autorità locali e vertici della “Casa ai noci”

Grande festa, sabato mattina, alla nuova residenza medicalizzata per anziani di Losone. Discorsi, vino bianco e canapè per inaugurare quella che è stata battezzata "Casa ai noci": 60 letti (di cui 12 in un’unità abitativa protetta, destinata ai malati di Alzheimer), sale comuni, spazi per le attività mediche e sanitarie, un grande giardino, un salone da pranzo e altri contenuti. La realizzazione dello stabile, disegnato dallo studio d’architettura di Michele Arnaboldi, è costata 23 milioni di franchi (escluso il valore del terreno – messo a disposizione gratuitamente dal Comune – di oltre 5’000 metri quadrati).

L’opera nasce da una collaborazione stretta tra Patriziato, Comune e Parrocchia, con l’appoggio del Cantone. Per la parte ufficiale, orchestrata dal direttore della struttura Daniele Mazzoleni, hanno preso la parola i presidenti di Parrocchia, Silvano Beretta; Patriziato, Carlo Ambrosini; Consiglio comunale, Romolo Pawlowski; Fondazione patrizia, Corrado Bianda; così come il sindaco Ivan Catarin, il Consigliere di Stato Raffaele De Rosa, il parroco Jean-Luc Farine e l’architetto Arnaboldi.

I discorsi hanno posto l’accento su alcuni aspetti: primo fra tutti la collaborazione fra i diversi enti per la realizzazione della struttura. Una collaborazione definita ottima da più parti. Poi sono giunte le lodi per il risultato ottenuto, a beneficio dei residenti, ma più in generale dell’intera comunità: «Una progettazione e una gestazione lunga, ma quello che conta è il risultato, che è qui da vedere», ha affermato Bianda, prima di ripercorrere l’iter iniziato molti anni fa. Alcune tappe salienti: nel 2011 il Consiglio comunale ha accordato un credito di tre milioni per la costruzione, come pure un diritto di superficie gratuito per 99 anni sul sedime; nel 2018 il Gran Consiglio ha approvato il finanziamento dell’opera; nel 2019 c’è stata la posa della prima pietra, mentre lo scorso marzo sono stati accolti i primi ospiti.

Posizione centrale: una piazza di paese

Un terzo aspetto che da più parti è stato sottolineato, è quello della posizione centrale di "Casa ai noci". Si trova nel bel mezzo del comune, a due passi da molti servizi e accanto alla Casa Patrizia, che dal 1974 mette a disposizione 39 posti per anziani autosufficienti e che è gestita in parallelo dalla stessa fondazione. Losone, ha ricordato Catarin, ha colto l’occasione per pedonalizzare il tratto di via Cesura tra le due strutture; si è così creata per la prima volta in duecento anni – parole di don Farine – «una piazza per il paese, che non è tanto elemento architettonico, quanto luogo dove la gente può incontrarsi, all’ombra di alberi ad alto fusto, per coltivare relazioni umane». Senza dimenticare che nelle circostanti aree verdi è stato installato un parco giochi innovativo, con attrezzature adatte anche ai portatori di handicap. «Non è facile oggigiorno realizzare uno spazio pubblico di queste dimensioni», ha aggiunto Arnaboldi che, per quanto riguarda il disegno, della nuova struttura ha commentato: «Abbiamo iniziato sette anni fa a pensare come dovesse essere. E siamo giunto alla conclusione che non dovevamo realizzare né un ospedale, né una scuola, ma un edificio che fosse una casa. Perciò abbiamo ricercato un equilibrio tra il contesto domestico e quello pubblico. Senza dimenticare che doveva emanare un energia positiva, compito questo affidato ai materiali, alla scelta dei colori e alla luce naturale». Il risultato, stando a Beretta è «un ambiente armonioso e tranquillo, che mette in primo piano la dignità degli ospiti». E De Rosa: «Già rientra nei concetti espressi con la pianificazione anziani 2030: spazi aperti, inclusione e incontro intergenerazionale».

Attualmente i residenti sono 33 e i collaboratori 63. Verso fine giugno tutte le camere saranno occupate e a pieno regime la struttura occuperà 80-90 impiegati nei diversi settori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
33 min
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
40 min
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
1 ora
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
1 ora
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
1 ora
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
1 ora
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
5 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
7 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
7 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
8 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
© Regiopress, All rights reserved