laRegione
08.05.22 - 16:26
Aggiornamento: 17:09

Alberi cittadini, a Locarno i dubbi di Verdi e Sinistra unita

Messa in sicurezza o disboscamento? Quesiti al Municipio sui tagli nelle aree urbane

alberi-cittadini-a-locarno-i-dubbi-di-verdi-e-sinistra-unita
archivio Ti-Press
Il bosco dell’Isolino

"Boschi cittadini: messa in sicurezza o disboscamento?". È il tema dell’interpellanza che "Sinistra unita" (primo firmatario Francesco Albi) e "I Verdi e indipendenti" (Francesca Machado-Zorrilla) hanno deciso d’inoltrare al Municipio di Locarno.

Nella premessa si ricorda che "all’inizio dello scorso mese di agosto si è scatenata su Locarno la forza degli elementi. Una tromba d’aria ha seminato distruzione nella zona che va dal Tennis al delta della Maggia, causando ingenti danni, fortunatamente solo materiali". Le conseguenze di questo eccezionale evento meteorologico non hanno colpito unicamente manufatti (il tetto dello stadio al Lido), ma anche e soprattutto la vegetazione che in quel comparto cittadino è straordinariamente abbondante. "Impressionanti sono state le immagini degli alberi piegati e alcuni anche sradicati dalla forza del vento. L’aumento di fenomeni estremi di questo tipo imputabili al surriscaldamento globale, come ad esempio anche lo scoperchiamento dell’hangar dell’aeroporto cantonale di Locarno avvenuto a luglio dello stesso anno, dovrebbe preoccupare ognuno di noi. Preoccupante appare anche la situazione attuale della superficie boschiva, in seguito alla cosiddetta ‘gestione attiva’ che il Municipio ha deciso di attuare per mettere in sicurezza le alberature danneggiate e di conseguenza coloro i quali approfittano di questi spazi". Le aree in questione svolgono infatti un ruolo importante nell’offerta ricreativa e di svago nella natura per i cittadini, oltre che a costituire l’ambiente vitale essenziale per una moltitudine di animali e piante.

Gli interpellanti pongono l’accento sull’importanza delle alberature nei contesti urbani: la vegetazione cittadine favorisce la biodiversità, ma ha pure funzioni termoregolanti, mantenendo l’aria più fresca nei periodi di canicola. Senza dimenticare che le piante assorbono anidride carbonica, polveri fini e inquinanti urbani.

"La scure Municipale – affermano Verdi e Sinistra unita – si è abbattuta spietata sul Bosco Isolino e su quello presso la Bolla Grande. Tant’è che ci si chiede se parlare di gestione del bosco sia corretto oppure se bisognerebbe piuttosto parlare di disboscamento. Emblematico è l’esempio del boschetto al mappale 6157, adiacente alla chiesa Sacra Famiglia, completamente raso al suolo fatta eccezione per le Palme". Palme che per altro sono considerate neofite invasive. Infine, critiche vengono avanzate pure sulla mancanza di informazioni ai cittadini per quanto riguarda la gestione del verde urbano.

Diverse le domande puntuali per il Municipio. Prima di tutto per sapere quanti alberi sono stati sradicati dal nubifragio dello scorso agosto e quanti sono stati danneggiati e quindi ritenuti pericolanti o pericolosi. Quante le piante abbattute su sedimi pubblici e quante su sedimi privati. Ma poi anche: "Esistono dei rapporti peritali? È stato elaborato un piano di ripristino dei boschi? Se sì, da chi è stato elaborato? Cosa prevede? Qual è il suo stato d’avanzamento?". L’interpellanza mira pure a ottenere informazioni sul mappale 6157 (privato), completamente disboscato: "La Città può fornire garanzie sul rimboschimento e assicurare che i confini del nuovo bosco saranno quelli precedenti?".
E più in generale, oltre a domandare che la popolazione sia informata sulla gestione del verde, "esiste a livello comunale un piano di gestione per la pianificazione delle attività selvicolturali, come auspicato dal Piano forestale cantonale?".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
3 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
5 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
5 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
5 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
7 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
8 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
8 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
8 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
8 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
© Regiopress, All rights reserved