laRegione
laR
 
21.04.22 - 05:20
Aggiornamento: 15:45

‘Va detto forte e chiaro: la fermata Tilo si farà comunque’

Il ministro Zali sull’investimento contestato a Minusio da una domanda di referendum: ‘Progetto di interesse generale che non dipende dalle beghe locali’

va-detto-forte-e-chiaro-la-fermata-tilo-si-fara-comunque
Ti-Press
Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio

«Il Cantone è dispiaciuto che un’opera strategica così importante non sia condivisa, ma l’opera stessa non dipende in ogni caso da questo referendum, perché si farà comunque». Più chiaro di così non potrebbe essere, il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali, riguardo alla Fermata Ffs-Tilo prevista a Minusio, ma che una domanda di referendum dell’ex vicesindaco Tiziano Tommasini ha provato a mettere in discussione. Tommasini, supportato da oltre 700 firme di suoi concittadini, contesta il progetto di fermata e intendeva portare alle urne la popolazione per esprimersi sia sulla parte comunale dell’investimento, 550mila franchi, sia sui 342mila franchi che il Municipio destinerà ad annesse opere di valorizzazione e arredo stradale su via Verbano e via Remorino. Purtroppo per Tommasini, il Municipio aveva decretato come solo parzialmente ricevibile la sua domanda di referendum. Questo, poiché i 550mila franchi per la fermata sono "una spesa determinata, fissata dal Consiglio di Stato il 5 maggio 2021, in applicazione degli articoli 22, 23 e 30 della Legge sul trasporto pubblico, il cui principio e la cui portata sono stabiliti dal diritto cantonale secondo precisi criteri e che è assolutamente necessaria per l’attuazione del progetto delle Ffs, inserito nel PALoc2". Una spesa, aveva aggiunto l’esecutivo statuendo sulla domanda di referendum, "prescritta nel suo principio dalla legislazione cantonale e che ha pertanto natura vincolata poiché essa è stata predeterminata e acquisita in via definitiva da una decisione base di rango superiore, di cui ne costituisce il corollario necessario".

Ciononostante, l’ex vicesindaco (si veda la ‘Regione’ di martedì) non era apparso convinto e aveva osservato che anche il credito di 550mila franchi, come tutti gli altri, se sottoposto al voto del Consiglio comunale dovrebbe essere impugnabile e/o referendabile. Su queste basi, diceva di volersi prendere il tempo necessario (i 30 giorni che gli sono concessi dalla legge) per capire se fosse data la facoltà di ricorso al Consiglio di Stato.

Ma proprio dalle stanze del governo arriva la puntualizzazione del ministro incaricato. «Il messaggio, forte e chiaro, è che la stazione Tilo si farà comunque – sottolinea Zali – perché per fortuna non dipende dal credito votato dal Consiglio comunale o da un ricorso che ne può derivare. Noi la facciamo e poi il Cantone addebita la parte comunale al Comune. È un suo problema interno quello di procurarsi la copertura finanziaria per questa spesa. Se l’avrà, bene; se no, è un problema comunale».

Poi Zali torna sulle osservazioni espresse dal sindaco di Minusio al momento dell’annuncio del suo ex vice di volersi attivare con una domanda di referendum: «Felice Dafond, che è avvocato, aveva detto bene ricordando che i 550mila franchi di partecipazione comunale sono un importo che Minusio deve pagare e che pagherà poiché trattasi di una questione di diritto superiore». Una constatazione inequivocabile che giunge «per buona pace del ricorrente», riprendendo le parole del consigliere di Stato.

«Fortunatamente – conclude Zali – questi progetti di interesse generale non dipendono dai particolarismi o dalle beghe locali. Parliamo di una spesa vincolata, così come succede per i contributi dei Programmi di agglomerato, stabiliti sulla base di una chiave di riparto cui sottostanno i Comuni, che ogni anno pagano la loro "rata". Nessun Comune può fermare un Programma di agglomerato non pagando la sua quota».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
3 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
5 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
6 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
6 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
7 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
7 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
9 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
11 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
12 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
© Regiopress, All rights reserved