laRegione
06.04.22 - 16:41
Aggiornamento: 17:51

C’è un’opposizione al progetto di rilancio del Grand Hotel

L’autosilo, i lavori al tetto e altre questioni minori hanno spinto la Hôtel Belvedere Locarno Sa a chiedere una revisione dei piani

c-e-un-opposizione-al-progetto-di-rilancio-del-grand-hotel
Ti-Press
C’è un problema sulla strada della ristrutturazione

La temuta opposizione al progetto di ristrutturazione da 50 milioni di franchi del Grand Hotel di Muralto è arrivata. L’ha firmata il presidente della Hôtel Belvedere Locarno Sa, Diego Lissi, la cui struttura alberghiera è situata a mezza collina, distante poche centinaia di metri dall’ampio terreno che ospita il Grand Hotel.

«Confermo che la Hôtel Belvedere Locarno Sa ha presentato opposizione alla domanda di costruzione. La decisione è maturata malgrado la nostra adesione di principio e la soddisfazione per il fatto che il turismo locarnese possa riappropriarsi, anche tramite il Grand Hotel, del ruolo guida che le spetta: siamo convinti che dalla rinascita dell’albergo muraltese tutta la regione e anche il Belvedere potranno trarre giovamento», premette Lissi, raggiunti ieri dalla "Regione".

Tuttavia, precisa il presidente della Sa del Belvedere, «abbiamo deciso di opporci sulla base dell’esame fatto dai nostri architetti e legali: riteniamo che le autorità competenti debbano e possano velocemente valutare certi aspetti che abbiamo evidenziato». Aspetti che fondamentalmente riguardano l’autosilo di 2 piani previsto sotto il Grand Hotel e il cui ingresso, a nord, sarà vicino a quello storico del Belvedere (accesso situato in territorio di Muralto). «Riteniamo anche che il numero di parcheggi non sia conforme alla Legge per quel tipo di insediamento – aggiunge Lissi –. Fra ospiti di oltre 100 camere, clienti del ristorante e numerosi impiegati nella struttura, i nemmeno 100 parcheggi previsti dal progetto sono chiaramente insufficienti».

Altri punti contestati da Lissi e dai suoi legali per conto della Hôtel Belvedere Locarno Sa sono inerenti agli interventi edilizi sul tetto, che non sarebbero coerenti con il Piano particolareggiato e con la natura storica dell’edificio, nonché alla questione della protezione degli alberi, più altri elementi minori. «Non vogliamo opporci per il gusto di farlo – sottolinea Lissi – ma riteniamo che se c’è una Legge, essa debba valere per tutti. Se le autorità riterranno che il progetto è legalmente corretto, accetteremo il verdetto. Non è nell’interesse di nessuno bloccare per anni e anni un’idea di rilancio quando già per troppo tempo la struttura è rimasta inattiva». Comunque, Lissi dice di avere qualche dubbio sulla scelta di non fare del Grand Hotel un "5 stelle", ma solo un "4 stelle". «Il turismo locarnese ha bisogno di un "5 stelle" aperto tutto l’anno, anche d’inverno. Ricordo che ai suoi albori il settore a livello regionale nasceva proprio come turismo invernale». L’auspicio è «che le autorità chiamate a statuire sulla nostra opposizione decidano in coscienza e lo facciamo in fretta».

Stefano Artioli, patron della Artisa e promotore dell’operazione di recupero del Grand Hotel, raggiunto dalla "Regione" dice di «prendere atto» dell’opposizione. Ma sottolinea anche «il grande appoggio che abbiamo sentito, prima e durante la pubblicazione della domanda di costruzione, da parte di tutti i vicini e confinanti. Abbiamo preso contatto con tutti quanti, spiegando nel dettaglio le nostre intenzioni, che si riassumono fondamentalmente con la volontà di ridare vita a una struttura storica, di grande valore architettonico e turistico, chiusa da troppo tempo. I riscontri sono stati positivi su tutta la linea: ci tiene il Comune, ci tiene il Film Festival e ci tiene la regione intera. La mia speranza è che questa opposizione non sia pregiudizievole, bloccando di nuovo tutto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
5 min
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’Esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
6 min
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
15 min
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
5 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
7 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
9 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
9 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
12 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
12 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
19 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
© Regiopress, All rights reserved