laRegione
07.04.22 - 17:34
Aggiornamento: 18:02

Valle di Campo, anche alcuni alpaca tra le fauci del lupo

Prima delle predazioni di Cerentino vi è stato un attacco ad alcuni camelidi. Da più parti si chiede al Consiglio di Stato un intervento

di David Leoni
valle-di-campo-anche-alcuni-alpaca-tra-le-fauci-del-lupo
Foto Archivio

Non solo ovini, ma anche alcuni camelidi sono finiti tra le fauci dei lupi in alta Valle Rovana. Da informazioni confermateci da più parti, risulta infatti che alcuni esemplari di alpaca di proprietà di un allevatore della zona sono stati aggrediti e uccisi, di recente, nella Valle di Campo. A qualche chilometro di distanza dalla predazione che, alle prime ore dell’alba di una decina di giorni fa, a Cerentino, è costata come noto la vita a cinque pecore e agnelli, aggrediti da ben tre lupi balzati all’interno di un terreno recintato, dinnanzi alla stalla. Lupi fuggiti nella boscaglia all’arrivo del pastore, il cui intervento ha scongiurato quella che sarebbe senz’altro potuta diventare una vera e propria mattanza, consumatasi oltrettutto a pochi passi dal paese. Da tener presente che alcuni ovini, fuggiti nel trambusto, mancano ancora all’appello. Di che essere preoccupati, insomma.

Lo è Germano Mattei, copresidente Associazione svizzera per un territorio libero dai grandi predatori, il quale ricorda come, a breve, il bestiame lascerà le stalle per il vago pascolo: «La situazione è molto delicata, anche se i guardiacaccia assicurano il necessario monitoraggio c’è molta apprensione per ciò che potrà accadere. Non bastasse il proliferare degli esemplari, c’è anche la questione della vicinanza ai nuclei abitati. Il Consiglio di Stato deve una risposta al settore dell’allevamento e dell’agricoltura. Le predazioni sono frequenti e quindi l’ipotesi dell’abbattimento degli esemplari problematici (un lupo può, per legge, essere ucciso se ha sbranato 10 capre o pecore e non più 15, mentre per i grossi animali come bovini ed equini la soglia è due) andrebbe tenuta in debita considerazione. Non da ultimo va rimarcato che il numero di questi carnivori in Svizzera è in marcata crescita. Occorrono quindi delle soluzioni adeguate e tempestive».

Gli agricoltori chiedono maggiore attenzione

Al Governo ticinese è diretta anche la lettera che partirà nei prossimi giorni da parte della Società agricola valmaggese, conferma Marzio Coppini, presidente della stessa. L’intento è quello di ottenere da Bellinzona le necessarie rassicurazioni e l’appoggio della politica agli attori interessati, aziende zootecniche e conduttori di alpeggio. È dunque prioritario continuare a rafforzare le misure di prevenzione e di difesa per evitare un aumento degli attacchi e delle perdite a carico degli allevatori.

La soluzione chiesta non può essere infatti solo l’indennizzo, ma la concertazione di adeguate politiche di contenimento che portino risultati concreti prima che sia tardi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
3 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
3 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
3 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
5 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
5 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
5 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
6 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
6 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
6 ore
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
7 ore
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
© Regiopress, All rights reserved