laRegione
25.03.22 - 14:13
Aggiornamento: 14:28

La fermata Tilo a Minusio non piace a 827 persone

Tante sono le firme consegnate questa mattina alla Cancelleria comunale dall’ex vicesindaco Tommasini, promotore della domanda di referendum

la-fermata-tilo-a-minusio-non-piace-a-827-persone
Ugo Donati (a sinistra) riceve le firme da Tiziano Tommasini

Servivano 724 firme, ne hanno raccolte 827. È andata probabilmente oltre le aspettative, la domanda di referendum lanciata a Minusio contro la fermata Tilo in zona Remorino. A lanciarla, l’ex vicesindaco Tiziano Tommasini, che questa mattina ha consegnato il malloppo al segretario comunale Ugo Donati. A questo punto sarà la popolazione di Minusio a dare, alle urne, un suo verdetto. Questo, al netto della possibilità che la partecipazione comunale di un massimo di 550mila franchi per la realizzazione della fermata non sia referendabile, come evocato da più parti nelle scorse settimane. Ma a dirlo saranno i giuristi. «Sono sempre stato contrario alla fermata anche da municipale – ha detto Tommasini alla consegna delle firme –. Le Ffs avevano proposto una fermata a Minusio quando avevano deciso di raddoppiare il binario. Assecondando questa idea, il Municipio di cui facevo parte aveva sottovalutato l’importanza di maggiormente coinvolgere la popolazione. Infatti, raccogliendo le sottoscrizioni, mi sono accorto che molti non sapevano neppure della fermata, mentre altri sanno, ma sono molto preoccupati per il suo possibile impatto a livello di cementificazione, mancanza di collegamenti con il centro paese e traffico parassitario».

La domanda di referendum, ha aggiunto l’ex vicesindaco, «non contesta la politica intrapresa dalla Confederazione e neppure gli sforzi intrapresi per agevolare l’uso della rotaia. È però opportuno che queste strutture siano servite in modo ottimale, senza sconvolgere le zone pregiate; inoltre, devono essere coordinate con altri servizi pubblici (bus, posteggi, percorsi pedonali e ciclabili). Il progetto di una fermata Tilo a Minusio appare in contrasto con queste finalità».

A essere contestati sono dunque i due crediti votati il 22 gennaio dal Consiglio comunale: i 550mila franchi quale partecipazione massima alla realizzazione della fermata, e i 342mila franchi – con la partecipazione di Ffs in misura del 50% – per la valorizzazione del comparto Remorino.

Leggi anche:

Tira aria di referendum contro la fermata Tilo a Minusio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
5 min
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
35 min
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
3 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
4 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
6 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
10 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
10 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
© Regiopress, All rights reserved