laRegione
24.03.22 - 15:27
Aggiornamento: 16:08

‘Per la Polizia di Locarno serve un intervento tempestivo’

Il segretariato sopracenerino dell’Ocst prende posizione sui problemi al Corpo comunale e chiede un incontro al Municipio cittadino

per-la-polizia-di-locarno-serve-un-intervento-tempestivo
Ti-Press
Il sindacato Ocst chiede un incontro con il governo cittadino

Richiesto un incontro urgente con il Municipio della Città di Locarno per discutere della questione dell’abbandono di diversi agenti del Corpo della Polizia comunale e relativa inchiesta amministrativa (scaturita da un’interrogazione apartitica). All’osso, questa è la richiesta ‘preoccupata’ che il Segretariato del Sopraceneri del sindacato Ocst (a firma di Marco Pellegrini e Diana Camenzind) ha inviato a metà marzo all’esecutivo locarnese – assieme al rappresentante del corpo in seno alla Commissione del personale e al presidente della stessa –, con lo scopo di "sviscerare la questione", esprimendo altresì vicinanza agli agenti.

"Il sindacato Ocst era già a conoscenza della problematica in seno alla Polizia e ha chiesto ufficialmente con lettera raccomandata un incontro urgente con il Municipio", sottolineando – si legge nella nota inviata ai media – come sia benefico e indispensabile un clima lavorativo "sereno e di fiducia", in particolare se i lavoratori "mettono in gioco la propria sicurezza per tutelare quella del prossimo". In quest’ottica, l’associazione di tutela dei diritti dei lavoratori si augura che "l’inchiesta amministrativa possa portare presto alla luce tutti gli elementi critici, ma in seguito sarà indispensabile essere attivi e celeri nel trovare una soluzione che possa migliorarli, per il bene del Corpo di polizia e della popolazione locarnese", si legge quindi. Inoltre, il partner sociale auspica un suo coinvolgimento nell’iter dell’inchiesta affinché si possa tramite la discussione "riportare serenità nel Corpo", appianando le tensioni.

Circa le notizie pubblicate dai mezzi d’informazione nelle scorse settimane, basate sull’interrogazione di un consigliere comunale, per presunti malumori all’interno del Corpo di polizia, il sindacato esprime disappunto nella raccomandata inviata al Municipio il 16 marzo scorso. Articoli sulla problematica che "accentuano la già complessa situazione, e amplificano i malumori già presenti. In aggiunta abbiamo appreso che vi sarebbe l’intenzione di far capo all’inchiesta amministrativa con un supervisore esterno. In primo luogo crediamo sia un po’ prematuro prendere una tal decisione senza aver prima sentito le parti. In secondo luogo, se ciò rappresentasse una soluzione percorribile, vi invitiamo già da subito a far capo a una ditta specializzata nel campo e non a quella già impiegata in passato presso la casa per anziani di vostra competenza".

Leggi anche:

Locarno, per la Polizia comunale un’inchiesta amministrativa

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
3 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
7 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
13 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
23 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
23 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved