laRegione
andare-al-lavoro-in-bici-per-guadagnare-40-franchi-al-mese
Ti-Press
Più salute e anche più soldi (volendo)
23.02.22 - 10:23
Aggiornamento : 16:01

Andare al lavoro in bici per guadagnare 40 franchi al mese

La Città di Locarno finanzierà gli spostamenti dei lavoratori delle aziende, che pedalando verso l’ufficio raccoglieranno dei “Bikecoin”

Vai al lavoro in bici e guadagni. Potrebbe essere un ottimo slogan del progetto biennale promosso dalla Città di Locarno, con il sostegno dell’Ufficio federale dell’energia e del Fondo Clima Lugano Sud, volto a incentivare l’utilizzo della bicicletta. Spicca il fatto che sarà la Città stessa a finanziare gli spostamenti dei lavoratori delle aziende, i quali, andando al lavoro in bicicletta, raccoglieranno dei cosiddetti "Bikecoin" e potranno guadagnare fino a 40 franchi al mese, da aggiungere in busta paga.

Il programma d’incentivazione della bicicletta "Bikecoin" è stato sviluppato e proposto in forma sperimentale lo scorso anno a Lugano. La Città di Locarno ha aderito al programma nel settembre del ’21, svolgendo un progetto pilota della durata di tre mesi con i collaboratori dell’Amministrazione comunale. L’ottimo tasso di adesione e i risultati ottenuti nella fase pilota (3’800 percorsi tracciati, per un totale di 12mila km), nonché l’alto potenziale della mobilità ciclabile (40%) emerso dal Piano di mobilità aziendale del comprensorio del centro città svolto nel 2019, ha dunque spinto il Municipio a estendere l’iniziativa anche alle altre aziende della città.

Rispetto alle esperienze precedenti, la Città ha deciso di introdurre un nuovo modello d’incentivazione che ha trovato il sostegno anche dell’Ufficio federale dell’energia e del Fondo Clima Lugano Sud. Nel corso di quest’anno e del 2023 verranno organizzate due campagne "Bikecoin" da aprile a ottobre. Locarno metterà a disposizione un budget per premiare direttamente i collaboratori delle singole aziende, che potranno, come detto, guadagnare fino a 40 franchi al mese. Alle aziende del territorio cittadino verrà chiesta una tariffa d’adesione per sostenere i costi di gestione. Aziende che saranno inoltre libere di valutare se incentivare ulteriormente i propri collaboratori. Tramite l’app Mobalt, i partecipanti tracceranno i propri percorsi con il Gps, raccogliendo punti ("Bikecoin") in base al numero di tragitti e ai chilometri effettuati in bicicletta – sia elettrica, sia convenzionale – permettendo di generare delle classifiche a livello aziendale e interaziendale.

Promozione e pianificazione dei percorsi ciclabili

Gli obiettivi del programma "Bikecoin" sono molteplici: stimolare i collaboratori delle aziende a recarsi in modo sostenibile sul luogo di lavoro tramite un incentivo economico, potendo anche confrontarsi in modo giocoso con i colleghi; dedicare alle aziende un programma di incentivazione, integrabile nella propria politica di mobilità aziendale, finalizzato all’utilizzo della bicicletta e non al semplice acquisto; infine, dotare la Città di uno strumento di promozione e di pianificazione della mobilità ciclabile per i tragitti casa-lavoro, dove le esigenze di trasferimento dall’automobile ad altri mezzi di trasporto sono maggiori, in particolare nelle ore di punta caratterizzate da congestionamenti stradali. Infine, i dati raccolti saranno anonimizzati e utilizzati nell’ambito dell’elaborazione del Masterplan di mobilità ciclabile avviato dalla Regione Energia Verbano lo scorso dicembre, in cui si identificheranno dei percorsi prioritari per gli spostamenti in bicicletta.

Come iscriversi alla campagna 2022

L’iniziativa prenderà avvio con una prima campagna da aprile a ottobre 2022. Si aprirà poi una seconda campagna nella primavera 2023. Le aziende interessate a partecipare o a ricevere ulteriori informazioni, possono annunciarsi all’indirizzo e-mail info@mobalt.ch o chiamare il numero +41 77 453 90 26 entro marzo 2022, ma sarà comunque possibile aderire al progetto anche successivamente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende bicicletta bikecoin locarno mobilità spostamenti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
18 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
18 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
18 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
11 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved