laRegione
18.02.22 - 10:48
Aggiornamento: 16:12

Navigazione Lago Maggiore, ‘vanno risolte le disparità’

L’Ente regionale di sviluppo chiede al Cantone proposte concrete e un trattamento equo a livello nazionale e internazionale, e la fine dei compromessi

navigazione-lago-maggiore-vanno-risolte-le-disparita
Ti-Press
L’Ers chiede soluzioni

"È arrivato il momento di agire e cambiare uno status quo su cui tanti si sono adagiati, Confederazione e Cantone compresi", scrive imperativamente l’Ente regionale per lo sviluppo Locarnese e Vallemaggia (Ers-LVM) in merito alla situazione di stallo e di svantaggio in cui "naviga" – concedeteci la figura etimologica – la navigazione sul bacino svizzero del Lago Maggiore, che è "tuttora complessa e insoddisfacente", denuncia. Infatti, l’Ers "è convinto che ci sia un ampio margine di miglioramento" che va "assolutamente esplorato e perseguito" e che finora non sia stato fatto abbastanza. L’ente, che si fa portavoce dell’intera regione, si dichiara altresì insoddisfatto all’indomani del parere del Consiglio federale seguito della mozione del deputato Bruno Storni, anche se "lascia intravedere un possibile sviluppo delegando al Cantone la formulazione di proposte concrete". A livello nazionale, gli altri due bacini transfrontalieri Lemano e Lago di Costanza – si paragona nel testo – "la Confederazione ha concluso accordi molto più vantaggiosi che non prevedono in alcun modo la concessione di un monopolio esclusivo estero sulla navigazione interna svizzera, con cessione della sovranità sulle proprie acque interne, come avviene invece per il bacino svizzero del Lago Maggiore. A modo di vedere dell’Ers, tale contesto è "paradossale e porta a gravi ineguaglianze e inefficienze nell’offerta turistica, di cui anche la Confederazione si dice consapevole". L’Ente regionale, pur "mantenendo alta la guardia", è quindi in attesa delle proposte che l’Autorità cantonale porterà a quelle federali: vanno "trovate soluzioni decisive, mettendo da parte i compromessi", sottolinea con forza. La sovranità sulla navigazione interna, spiega quindi, permetterà di "programmare investimenti che siano davvero di lungo respiro e a beneficio del turismo regionale, cantonale e dell’ambiente, con la completa elettrificazione della flotta e l’aumento delle corse turistiche. Non da ultimo riportando la bandiera svizzera a sventolare sulle nostre acque". E subito si chiede come sia possibile che sia tuttora in vigore "una convenzione tra Svizzera e Italia senza adeguamenti"; convenzione che sancisce "il monopolio italiano sul Lago Maggiore, quando i monopoli nei trasporti pubblici sono attualmente vietati dalle norme anti-trust europee e dalle stesse norme italiane in vigore negli ultimi 20 anni". In linea coi dubbi sulla gestione governativa sollevati, "anche una recente sentenza italiana della Corte dei Conti".

L’Ente regionale per lo sviluppo conclude ribadendo l’auspicio imprescindibile "dell’autonomia gestionale dall’Italia della navigazione nelle acque interne del bacino svizzero del Lago Maggiore". Come l’Ers, rimaniamo in attesa dei prossimi passi del Cantone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
4 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
6 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
6 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
8 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
10 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
13 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved