laRegione
laR
 
16.02.22 - 08:42
Aggiornamento: 15:28

Incendi boschivi, quelle morti silenziose

Gambarogno, non sono solo i danni al patrimonio boschivo a dover preoccupare. Anche gli animali pagano non di rado un alto tributo. Parla un esperto

incendi-boschivi-quelle-morti-silenziose

Una strage silenziosa, lontana dai riflettori della cronaca. Quella della fauna locale, da aggiungere al triste bilancio degli ingenti danni al patrimonio boschivo. I grandi incendi, come quello che ha interessato i monti del Gambarogno in queste ultime settimane, costituiscono spesso una trappola mortale per gli animali che muoiono carbonizzati, dal fumo o a seguito delle ustioni riportate soprattutto agli arti inferiori. Ma mentre alcune specie fuggono impaurite cambiando zona non appena percepiscono il pericolo, altre, purtroppo, soccombono.

Non tutti ce la fanno

Gli animali che tipicamente popolano i nostri boschi hanno sviluppato, da sempre, delle abilità per mettersi in salvo dal pericolo. Gli uccelli se ne volano via, i mammiferi come camosci, cinghiali, volpi scappano velocemente mentre le specie anfibie, i rettili e altre piccole creature scavano cunicoli nel terreno, si nascondono nei tronchi o si riparano sotto le rocce. Ma è chiaro che a dipendenza della tipologia dell’incendio (di corona, di sottosuolo, ecc...) questi rifugi non bastano. Senza dimenticare che molte specie (scoiattoli e ghiri), in inverno, cadono in (semi-)letargo. Il rischio è che non si risveglino più. La situazione si fa più grave se nel computo inseriamo anche i milioni d’invertebrati e insetti che non sono in grado di trovare riparo. Stime affidabili sul numero di animali che periscono nei roghi nel nostro cantone non ne esistono. Ma non è per questo che non vengono presi in considerazione e conteggiati tra i danni devastanti degli incendi boschivi. Perché per la biodiversità e l’equilibrio degli ecosistemi sono indicazioni molto importanti.

Gli incendi aiutano il recupero di determinati habitat

«Negli incendi boschivi che solitamente interessano il Ticino, di breve durata e relativamente lenti nella propagazione, la nostra avifauna e la fauna terrestre risentono fortunatamente poco delle conseguenze. Le vie di fuga permettono loro il più delle volte di mettersi in salvo. Il problema si pone più che altro se, all’interno del perimetro interessato dal rogo, rimangono delle sacche risparmiate in cui gli animali frettolosamente convergono. Se restano intrappolati e circondati dalle fiamme, è chiaro che non hanno scampo» – spiega Andrea Stampanoni, consulente scientifico dell’Uffico caccia e pesca – Ripercussioni ve ne sono dunque in ogni caso. Ogni incendio provoca danni all’ecosistema. Tuttavia, nella sua dinamica, porta, a volte, anche un vantaggio. Nel senso che contribuisce a recuperare dei particolari habitat, come le aree prative invase dalla vegetazione con l’abbandono degli alpeggi e l’avanzare del bosco. In alcuni casi quindi le fiamme favoriscono il ritorno di specie purtroppo svantaggiate da questi cambiamenti, come il fagiano di monte e la coturnice. Dopotutto si tratta di una ripartenza da zero. Per gli studiosi, è quindi interessante verificare le dinamiche che si innescano a seguito di questa, traumatica, situazione».

Il recupero ecologico richiede tempo

Gli animali si rifugiano altrove per fare ritorno una volta che la vegetazione, grazie anche alle ceneri della combustione, tornerà a ricoprire il sottobosco. Mantenendo così viva la speranza di un successivo recupero ecologico. Ma questo avverrà solo dopo molti mesi. «È difficile rispondere alla domanda “dopo quanto?”. Oltre allo spavento, il rogo priva gli animali del cibo e toglie loro la protezione assicurata dalla vegetazione. Nel caso del Gambarogno, mi è stato riferito che il comparto interessato è desolatamente vuoto. Non si sente nemmeno più un passero cinguettare; gli animali che hanno potuto fuggire, si sono spostati in altri versanti della montagna o sui rilievi vicini. Anche il rumore degli elicotteri e dei mezzi di spegnimento li ha sicuramente traumatizzati».

Monitorare le aree devastate per capire le dinamiche

Esiste un programma di monitoraggio specifico? «No. Noi sfruttiamo l’occasione per capire il funzionamento di certe dinamiche. Alcune specie animali, già monitorate, come il camoscio, la coturnice, la lepre, il fagiano, sono tenute normalmente sotto osservazione. Nell’ambito dei censimenti periodici si può dunque capire qual’è la portata del danno. Sono comunque osservazioni che vanno estese su periodi di più anni. Se del caso, anche la pressione venatoria viene allentata proprio per favorire il ritorno a una certa normalità».

Stabilità dei pendii da verificare

Preoccupazioni sorgono anche per quanto riguarda la stabilità del terreno. Gli specialisti dovranno valutare i potenziali rischi di smottamenti in caso di forti piogge; rischi che possono essere accentuati dalla distruzione del patrimonio forestale, pensando soprattutto alle radici con la loro funzione di trattenuta del terreno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
1 ora
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
4 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
4 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
5 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
5 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
11 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
12 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
12 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
13 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
© Regiopress, All rights reserved