laRegione
discarica-di-riveo-perche-tocca-al-comune-passare-alla-cassa
11.02.22 - 15:36
Aggiornamento: 16:31

Discarica di Riveo, ‘perché tocca al Comune passare alla cassa?’

Interrogazione al Municipio di Maggia di Lega/Udc/Agrari e Ppd sui costi della bonifica dell’area inquinata da una ditta e di proprietà dei Patriziati

Bonifica del comparto di Riveo, c’è chi vuole vederci un po’ più chiaro. È il caso del Gruppo Lega – Udc / Svp / Ex Agrari - Indipendenti e del Ppd+Gg di Maggia, che al riguardo ha presentato al Municipio un’interrogazione. “Nell’ultimo Consiglio comunale di Maggia, è stata sollevata la questione inerente al risanamento dovuto a inquinamento del comparto occupato a suo tempo dalla società Graniti Bionda Sa. A tal proposito, nel corso della seduta, come pure tra la popolazione, sono sorti diversi interrogativi sui quali ci sembra importante fare chiarezza” – osservano in entrata i firmatari. “Quali consiglieri comunali riteniamo doveroso avere maggiori informazioni in merito, ma soprattutto capire quale ruolo e posizione intende assumere il Municipio. È un dato di fatto che il sedime risulti essere inquinato, tanto quanto è comprovato che i proprietari dei fondi siano i Patriziati (Cevio, Linescio o Someo), come pure che il Municipio di Maggia abbia già anticipato denaro pubblico per provvedere al risanamento”. I consiglieri ritengono che l’Amministrazione (che ha sporto denuncia penale nei confronti della ditta responsabile degli inquinamenti) non abbia alcuna responsabilità al riguardo dell’accaduto; tuttavia l’ente è chiamato alla cassa. Per quale motivo? “Dal momento che l’esecutivo non ha mai violato i suoi doveri di controllo (vedi segnalazione fatta a suo tempo per iscritto al Cantone), ma che si tratta di questioni tra privati, nella fattispecie tra la società coinvolta e i Patriziati, non troviamo corretto che sia il Comune a farsene carico”. I firmatari ricordano pure che, al riguardo, c’è una sentenza del Tribunale federale che parla chiaro: “In caso d’inquinamento è da ritenersi responsabile in primo luogo chi ha cagionato il perturbamento o il pericolo. In condizioni più restrittive potrebbe essere reso responsabile anche chi è proprietario, questo solo però nel caso in cui abbia omesso di effettuare la dovuta vigilanza. Il Tf identifica fra gli enti responsabili chi ha sfruttato il sedime e chi ne è il proprietario, ma non il Comune dove sono ubicati i terreni”.

Da qui tutta una serie di domande, a sapere se i Patriziati coinvolti hanno già versato al Comune quanto quest’ultimo ha anticipato; se gli altri sedimi del comparto sono pure stati esaminati (caso affermativo con quali esiti? In caso negativo per quale motivo?); se vi sono dei preventivi inerenti al risanamento del citato fondo inquinato e per un’eventuale bonifica di tutto il comparto Riveo-Visletto; se l’Amministrazione ha inviato dei precetti esecutivi alla ditta responsabile del danno. Infine chiedono in quale misura questo intervento di bonifica ostacolerà il progetto di arginatura e di valorizzazione ambientale approvato nel 2014 e con quali conseguenze finanziarie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bonifica inquinato interrogazione maggia riveo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
4 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
7 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
16 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
18 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
19 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
19 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
20 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
20 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
22 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved