laRegione
04.02.22 - 16:16
Aggiornamento: 17:58

Indemini: ‘Con il rientro il morale è tornato alto’

Fuggiti domenica notte dall’incendio sui monti del Gambarogno, i domiciliati sono di nuovo a casa e ringraziano pompieri, PCi e Polizia

indemini-con-il-rientro-il-morale-e-tornato-alto
Ti-Press
Lo spaventoso scenario al momento dell’evacuazione del villaggio

Già nelle prime ore di stamattina nel posteggio di Indemini si contavano una decina di vetture. Gli abitanti domiciliati (che nella stagione invernale sono 22) hanno ripreso possesso delle loro case non appena è giunto il nullaosta delle autorità comunali. Nella notte tra domenica e lunedì erano fuggiti in fretta e furia dalle fiamme che hanno devastato i boschi dei monti del Gambarogno. Poi giorni di angoscia per quanto stava succedendo lassù.

«Ora che siamo di nuovo a casa il morale è tornato alto – racconta Fausto Domenighetti, già sindaco (fino alla fusione comunale) di Indemini –. Abbiamo vissuto momenti duri, con l’incognita per le nostre proprietà, per i luoghi che rappresentano la nostra vita. È brutto essere via, lontani, con quel senso d’impotenza che ti attanaglia. Mentre le fiamme distruggevano duecento ettari di boschi, a rincuorarci ci sono giunti tanti messaggi di vicinanza e di affetto. Ma c’è stata anche la comprensione e la solidarietà, con il Comune di Gambarogno e con i militi della Protezione civile che ci hanno seguiti e aiutati, trovando alloggi confortevoli anche per chi non aveva possibilità di essere ospitato da amici o parenti. La nostra gratitudine va pure alla Polizia e ai Pompieri: ho visto personalmente il fuoco che lambiva le case e loro che, con impegno e con tutti i mezzi a disposizione, hanno evitato la distruzione dei fabbricati. Gli dobbiamo tanta riconoscenza».

In paese, aggiunge l’intervistato, è tutto in ordine: «C’è l’elettricità e il telefono funziona. Resta il problema dell’acqua non potabile, con il Comune che ha trovato vie alternative per l’approvvigionamento. Ma sono convinto che la questione sarà risolta in tempi abbastanza celeri». E per il territorio distrutto dall’incendio? «Credo sia prematuro fare un bilancio adesso. Certo che una pioggia abbondante o mezzo metro di neve potrebbero aiutare la natura a riprendersi più in fretta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
4 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
4 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
6 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
6 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
7 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
9 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
12 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
12 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved