laRegione
laR
 
29.01.22 - 05:30

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini

ronco-s/ascona-e-vissero-tutti-felici-e-contenti

Ronco s/Ascona vuol diventare un “Comune sano”. Lo fa aderendo all’iniziativa su scala nazionale che porta questa etichetta e che ha quale finalità quella di focalizzare l’attenzione degli amministratori, in modo intenzionale e sistemico, al tema della salute e del benessere dei cittadini. Obiettivo: fare in modo che sia la popolazione, sia gli operatori al suo servizio possano vivere in una località dove le aspettative del singolo sono soddisfatte. Un progetto mirato al benessere nel quale si intrecciano, profondamente, le componenti economiche, sociali, ambientali, strutturali e di welfare. Un concetto innovativo a favore dell’intera comunità ronchese, che implica la partecipazione attiva da parte di tutti nello svolgimento dei compiti che l’Amministrazione è chiamata a garantire alla cittadinanza. Gli abitanti devono prendere coscienza di poter essere i primi protagonisti delle politiche pubbliche e dei servizi di cui necessitano tutti i giorni, divenendo “gli ideatori attivi di soluzione condivise”. Progettano qualcosa che non riguarda più solo il singolo ma tutta la collettività. Per arrivare a questa sorta di “benessere interno lordo” il Municipio ha deciso di farsi affiancare e accompagnare nella gestione e conduzione delle proprie risorse umane da una specialista che funge anche da capo progetto.

Una capo progetto quale trait d’union tra cittadino e autorità

Essa garantisce una presenza operativa settimanale in loco e contribuisce a dare, da subito, solidità, continuità e realizzazione degli intenti, mettendosi in relazione con i vari gruppi d’interesse e la popolazione, secondo un piano concordato con il Municipio, sollecitando la partecipazione attiva di tutti e in ogni ambito. Esperta di interventi di questo genere, applica le buone pratiche suggerite dalla Fondazione Promozione Salute Svizzera (www.promozionesalute.ch), l’ente nazionale cappello sostenuto dai Cantoni che su incarico della Confederazione coordina e valuta misure atte a promuovere la salute e prevenire le malattie su tutto il territorio svizzero. Essa integra anche i principi e modelli promossi dalla rete nazionale Comuni Sani (www.labelgesundegemeinde), dalla Fondazione Radix (www.radix.ch), orientandosi ai criteri di qualità promossi a livello svizzero da Friendly Workspace Label e Quint-Essenz.ch. In seguito riferisce al Municipio, con il quale collabora a stretto contatto e che incontra mensilmente per concordare il piano d’azione, condividere l’operato per il tramite di un rapporto mensile e adattare di continuo l’agenda di lavoro sulla base degli impatti delle prime attività / iniziative / misure messe in atto. Una sorta di processo di consapevolezza che aiuta a capire se certe scelte fatte a scapito di altre siano opportune o meno

Superare gli interessi individualistici

Per arrivare a una dimensione comunitaria diversa e sana, che superi interessi individualistici è dunque per prima cosa indispensabile parlarsi. Paolo Senn, sindaco, ribadisce l’importanza «del dialogo cittadino-istituzioni per il buon governo del paese. È alla base di tutto e questa iniziativa è sicuramente meritevole di un seguito. La possibilità data al cittadino di confrontarsi con i propri rappresentanti politici è di primordiale importanza. Molto spesso, lo abbiamo visto in questi ultimi anni qui a Ronco, diversi progetti portati avanti dal Municipio finiscono con l’arenarsi in Consiglio comunale perché manca il necessario appoggio. È giusto che ci sia spazio per l’opinione contraria, ci mancherebbe altro. Dobbiamo però tener presente che se vogliamo migliorare la qualità di vita e svecchiare le infrastrutture del nostro Comune certi investimenti vanno fatti. Occorre perciò vincere la negatività e incontrarci per risolvere le criticità, coinvolgendo la popolazione. Ed è quello che abbiamo fatto, tra l’altro, con l’opuscolo trasmesso a fine anno a tutti i fuochi, contenente alcuni indirizzi di sviluppo di punti nevralgici del paese che andranno, ovviamente, approfonditi e discussi».
La Sezione enti locali del Cantone, informata dell’iniziativa, ha salutato positivamente il progetto (sottolineando l’importanza di simili esperienze locali per poi arrivare a proporre opportuni cambiamenti mormativi) , che potrebbe in futuro essere replicato altrove.
Se la visione delle autorità locali di rendere i ronchesi protagonisti della vita all’interno del paese porterà a un cambiamento nel rapporto amministrazione-cittadino e a una partecipazione maggiore, sarà il tempo a dirlo. A ogni buon conto si tratta di un esempio pratico di democrazia partecipativa in grado di ridurre malcontento e conflitti ricostruendo un rapporto di fiducia cittadini-istituzioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
35 min
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
35 min
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
35 min
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Ticino
7 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
8 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
11 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
12 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
12 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
13 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
14 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
© Regiopress, All rights reserved