laRegione
verzasca-tutti-i-lavori-dopo-lo-svuotamento-del-lago
Lo schema degli impianti (Verzasca Sa)
laR
 
28.01.22 - 05:30
Aggiornamento : 09:19

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Svuotare un bacino artificiale delle dimensioni del lago di Vogorno non è cosa da poco. Basti una cifra a far capire l’entità dell’operazione: in totale vengono fatti defluire verso il Verbano circa 100 milioni di metri cubi d’acqua. La necessità di procedere a uno svuotamento di tali dimensioni – per altro autorizzato dal Cantone – è dettata dall’esigenza di procedere a importanti lavori (con un investimento di sette milioni di franchi) da parte della Verzasca SA, la società che gestisce la diga e gli impianti di produzione di energia idroelettrica.

Nel 2018, dopo oltre mezzo secolo di esercizio, era stato portato a termine l’ammodernamento sui tre gruppi di produzione della centrale di Gordola. Per la società è ora essenziale eseguire altre opere alla condotta forzata che porta l’acqua alla centrale, alla via di restituzione verso il Lago Maggiore come pure allo scarico di fondo della diga.

Per capire l’ampiezza degli interventi, ci siamo rivolti alla Verzasca SA. Quattro sono le aree principali sulle quali si agirà, con il livello dell’acqua che sarà portato a una quota al di sotto della presa.

Rinnovo delle condotte

La condotta forzata serve per portare l’acqua dal bacino ai gruppi di produzione: è costruita in acciaio e inserita parzialmente nella roccia all’interno di una galleria orizzontale e di un pozzo inclinato. Per evitare la corrosione e l’abrasione sulla superficie interna del metallo venne inizialmente applicata una protezione anticorrosione che con gli anni si è consumata e non garantisce più una protezione adeguata. Il rinnovo prevede la rimozione della protezione rimanente con un getto d’acqua ad altissima pressione. In seguito verrà controllato lo stato del metallo e sarà applicata una nuova protezione anticorrosione, composta da più strati di una vernice speciale.
Una volta turbinata, l’acqua passa attraverso i coni diffusori dei gruppi di produzione e raggiunge la camera d’espansione. Analogamente alla condotta forzata, anche questo tratto presenta dei problemi superficiali e la protezione anticorrosione deve essere rinnovata.

Sostituzione delle valvole a farfalla

Le valvole di testa sono installate in cima alla parte inclinata della condotta forzata. Vengono utilizzate per interrompere il flusso di acqua in caso di guasto alla centrale. Le due valvole a farfalla attuali verranno sostituite con nuove unità, costruite e dimensionate secondo i criteri più recenti.

Lavori alla camera di espansione

La camera d’espansione è uno spazio che ha una superficie di 28 per 6.5 metri, con un’altezza di 24 metri. In totale, il volume è quindi di 4’368 metri cubi (come termine di paragone si può dire che è grande più o meno quanto un caseggiato di 15 appartamenti da 100 metri quadrati ciascuno). La stessa camera è ricavata nella roccia e rivestita di calcestruzzo. Al suo interno le variazioni della portata di scarico delle turbine vengono smorzate; in seguito l’acqua defluisce verso il Lago Maggiore attraverso la galleria di restituzione.
Sono previsti degli interventi di risanamento delle parti di calcestruzzo deterioratesi con il tempo, principalmente sulle pareti e tipiche di una struttura in esercizio – immersa nell’acqua – da più di cinquant’anni.

Riparazione e revisione degli scarichi di fondo

Lo scarico di fondo è uno strumento essenziale per la sicurezza della diga. Costituito da due paratoie, funge da scarico dell’invaso in caso di necessità. In un primo tempo era stata prevista una riparazione della cosiddetta “paratoia di revisione”, che è accessibile unicamente con il bacino completamente vuoto. In verità – visto che il lago non sarà svuotato fino in fondo – la Verzasca SA ha privilegiato l’intervento sulla paratoia di servizio. Allo stesso tempo verrà eseguita una revisione degli apparecchi di movimentazione e dell’aggregato idraulico.

Da fine primavera si tornerà a “turbinare”

Non appena i lavori sulla condotta forzata saranno completati, stando alle indicazioni della Verzasca SA, si potrà iniziare a trattenere l’acqua smeraldina del fiume, affinché il bacino torni nuovamente a riempirsi. Le operazioni previste per risanare gli impianti saranno completate entro la fine della prossima primavera e, in seguito, gli impianti torneranno al normale esercizio. La centrale potrà ricominciare a turbinare e a produrre energia idroelettrica, quindi utilizzando una fonte pulita e rinnovabile. E, negli intenti della società di gestione, potrà farlo in tutta tranquillità e sicurezza per molti decenni a venire.

Leggi anche:

Il prossimo inverno verrà svuotata la diga della Verzasca

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia idroelettrica svuotamento diga verzasca
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia
Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
2 ore
Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche
Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
2 ore
Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio
All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
3 ore
Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute
Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Ticino
4 ore
Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’
Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Ticino
4 ore
‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’
Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Luganese
6 ore
Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica
La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Ticino
6 ore
‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’
Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Luganese
7 ore
Omicidio Cantoreggi in Appello, per l’accusa è stato assassinio
La pp Tuoni ha richiesto 17 anni di carcere per il 35enne austriaco. La difesa: i ricorsi sono da respingere. Attimi di tensione fuori dall’aula
Mendrisiotto
7 ore
A Mendrisio il Ppd rilancia: ‘Dimezziamo i dicasteri’
In una interrogazione il gruppo mette sul tavolo la proposta, alternativa a tagli e aumento del moltiplicatore
© Regiopress, All rights reserved