laRegione
i-semafori-intelligenti-sull-a2-a13-piacciono-a-tcs-e-acs
Ti-Press
20.01.22 - 17:46
Aggiornamento : 18:20

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento

In attesa della realizzazione del tanto atteso collegamento autostradale A2-A13 (verosimilmente attivo dal 2044), l’Ustra propone un nuovo sistema intelligente di autoregolazione del traffico temporaneo che verrà attuato entro pochi anni, come anticipato dal Bollettino della Sezione Ticino della Rivista Touring di febbraio 2022. Un sistema “per gestire adeguatamente le esigenze regionali di viabilità tra Bellinzona e Locarno durante i prossimi 20-25 anni”; viabilità messa a dura prova a più riprese negli ultimi anni con traffico congestionato, ore e ore passate incolonnati, incidenti.

La soluzione per i prossimi due decenni, come presentato dal capofiliale Ustra Ticino Marco Fioroni nella pubblicazione, cercherà di risolvere una situazione divenuta oramai insostenibile per la quale vanno per forza di cose adottate misure: “Senza alcun intervento, lo status quo è purtroppo solo destinato a peggiorare”, si rivela nell’articolo. Sviluppato in collaborazione con ricercatori e specialisti, il nuovo impianto semaforico di gestione (con sette elementi) di Ustra è basato “sull’autoregolazione” adeguando in tempo reale “la gestione dei nodi all’effettiva domanda”. Grazie al rilevamento istantaneo dei movimenti veicolari (tramite videocamere, sensori eccetera), il sistema sarà in grado di attribuire priorità e durata di passaggio di ogni veicolo. Si tratta di una “metodica che riduce al minimo i tempi di attesa e il numero i veicoli che devono fermarsi o aspettare al semaforo”.

Un progetto necessario, ma temporaneo

“La nostra associazione è sempre stata favorevole al progetto semaforico sul Piano di Magadino”, è la presa di posizione del presidente della sezione ticinese dell’Automobile club svizzero (Acs), Giacomo Garzoli che tiene comunque a sottolineare che tale intervento è temporaneo (in attesa della realizzazione del collegamento A2-A13) e prevede “una modifica dell’attuale tracciato, togliendo le rotonde presenti”. “Non si tratta di certo di una soluzione al problema, ma di una agevolazione più che necessaria a favore degli automobilisti” grazie a un sistema “in grado di adattarsi ai volumi di traffico” attuando quindi una gestione mirata.

‘Un passo nella giusta direzione’

Considerati i tempi di realizzazione del collegamento autostradale e la tendenza dell’aumento di veicoli sulle strade, questo progetto è “totalmente innovativo e ha già portato ottimi risultati in altre realtà”, raggiungendo “l’obiettivo prefissato: ottenere un traffico più scorrevole e fluido e, quindi, anche più sicuro”. Così Fabio Stampanoni, presidente della sezione ticinese del Touring club svizzero (Tcs). In maniera particolare al Tcs Ticino piace l’idea che il sistema, sfruttando una tecnologia avanzata, permetta di “gestire al meglio i flussi di traffico considerando tutti gli utenti della strada, persino i pedoni”, permettendo loro di usufruire delle strade in tutta sicurezza. Aggiunge quindi che “l’installazione di questa struttura semaforica è un passo nella giusta direzione”. Nonostante la bontà del progetto temporaneo, anche Stampanoni come Garzoli ribadisce la necessità della realizzazione del collegamento autostradale, “questo intervento resta una priorità per Locarnese e Bellinzonese”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
a2-a13 locarnese semafori intelligenti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved